Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
Homeil Monferrato Dinastie Gonzaga
Gonzaga
I Gonzaga di Mantova
Federico II
Francesco III
Guglielmo
Vincenzo I
Francesco IV
Ferdinando
Vincenzo II
Francesco III

 a cura di GINO BENZONI


Scheda pubblicata in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. XLIX, Roma 1997. La presente scheda è stata inserita grazie alla autorizzazione rilasciata dall'ISTITUTO DELLA ENCICLOPEDIA ITALIANA fondata da Giovanni Treccani [Prot. 495/04/DE del 19 novembre 2004] che si ringrazia per la disponibilità.


Duca di Mantova e del Monferrato. - Primogenito del duca Federico II e di Margherita Paleologo, nasce a Mantova il 10 marzo 1533. Felice il padre s’affretta a comunicarlo al papa e all'imperatore, mentre il popolo, incitato a festeggiare, lo fa sin eccessivamente ché fuochi non controllati provocano un incendio che distrugge carte e scritture custodite nel palazzo della Ragione. E, in segno di ringraziamento, i genitori offrono alla chiesa di S. Maria una statuetta d'argento riproducente, nella statura e nel peso, il sospirato erede, a celebrare la nascita del quale - sia pure allusivamente - pare destinato pure il ciclo di 12 pitture di Giulio Romano illustranti l'infanzia e la giovinezza di Giove nonché la sua famiglia. Spentosi il padre il 28 giugno 1540, Francesco, il 5 luglio, viene acclamato solennemente duca nella piazza di S. Pietro. Tutori del fanciullo - di cui dal 1536 è stato pedagogo il letterato cremonese Benedetto Lampridio messosi in luce nel cantarlo neonato quale "formosus puer" senz'altro "sidere candidior" - la madre duchessa Margherita e gli zii paterni Ferrante ed Ercole. Assente, per lo più, dei due il primo, è il secondo, cardinale, ad assumere energicamente la reggenza docilmente assecondato dalla cognata, che - figura troppo scialba e remissiva per avanzare una qualche personale opinione - s'affida totalmente a lui. È il prelato, allora, ad impostare e a portare avanti una politica che - colla drastica riduzione del personale che passa da 800 addetti a 300 - pone freno all'eccessivo dispendio della corte, introduce un oculato riordino amministrativo, incentiva le manifatture, specie quella tessile, risolleva le finanze senza sacrificare del tutto lo splendore dell'epoca federiciana se non altro perché a Giulio Romano è data ancora possibilità d'imprimere il suo segno architettonico-urbanistico. Quanto a Francesco, il card. Ercole - sensibile alle raccomandazioni di Ferrante di "ritrarlo da quella mala creanza" - che pare, a tutta prima, caratterizzarlo - provvede a che assimili le buone maniere e a che si istruisca sotto la guida di qualificati maestri, tra i quali si distingue il cultore di studi classici Candido Albino. Nel quadro coatto d'una politica estera che vede il Ducato nell'orbita imperiale, tanto fa saldare vieppiù le sue sorti in questa direzione. E utile, a tal fine, un vincolo matrimoniale asburgico-gonzaghesco. Donde l'avvio delle pratiche in tal senso e la loro felice conclusione formalizzata a Canneto - in occasione del passaggio di Carlo V - coll'annuncio, del 27 giugno 1543, del fidanzamento di Francesco con Caterina d'Asburgo, nipote dell'imperatore e quinta figlia di suo fratello Ferdinando allora re dei Romani. Solennizzato così un impegno - il cui contratto è stato ratificato dai tre tutori di Francesco ancora il 16 maggio, mentre per la ratifica da parte del futuro suocero occorre attendere il 13 giugno - cui segue, avvalorante per Francesco, il 28 a Medole l'investitura imperiale di Mantova e del Monferrato. Col che Francesco è, a pieno titolo, duca di diritto in attesa di diventarlo di fatto.

E, uscito dalla fanciullezza e ormai adolescente, ecco che, se non altro, sottoscrive il trattato, del 15 marzo 1548, con Venezia, relativo alle acque del Tartaro motivo di controversia tra Mantovani e Veronesi e che, se non altro, impersona il Ducato nelle cerimonie e nelle occasioni pubbliche. È Francesco ad accogliere, il 9 giugno 1548, il futuro cognato Massimiliano di passaggio per Mantova nel suo portarsi in Spagna a sposarvi la cugina Maria. È sempre Francesco che, il 26 dicembre, parte per Milano ad omaggiarvi lo zio Ferrante in occasione delle nozze della figlia di questo Ippolita con Fabrizio Colonna. E qui è presentato a Filippo di Spagna, il quale di lì a poco si reca di persona a Mantova dove entra - splendidamente accolto da Francesco - il 12 gennaio 1549 per rimanervi tre giorni, durante i quali Francesco è sempre premuroso al suo fianco. Contrassegnato all'inizio dalla festosa ospitalità offerta al reggente di Spagna, il 1549 è, per Mantova, soprattutto eccitato, quanto meno a partire da agosto, dall'organizzazione delle nozze di Francesco, affidata alla competenza operativa di quella sorta di ministro della ducal casa che è il castellano Sabino Calandra. Va fatta la lista degli invitati, vanno predisposti gli spazi, vanno previsti spettacoli, vanno reperiti i mezzi finanziari. E si crea una febbrile atmosfera d'attesa: a corte non si pensa ad altro, non ci si preoccupa d'altro. Finalmente, attorno alla metà d'ottobre, la sedicenne Caterina d'Asburgo, accompagnata dal fratello arciduca Ferdinando, è a Trento. Qui si porta, con folto ed elegante seguito, Francesco, il quale non ha ancora compiuto i 17 anni. Quindi, per Verona - dove s'uniscono al corteo gli zii paterni coi loro rispettivi seguiti - e per Porto, nella cui villa attende la duchessa madre, c'è, solenne e fragoroso tra scampanar a distesa, spari d'artiglieria, applausi di folla accalcata, il 22, l'ingresso a Mantova. Segue, il 23, nella chiesa di S. Andrea la celebrazione del matrimonio: unisce gli sposi il cardinale vescovo principe di Trento Cristoforo Madruzzo, mentre officia la messa il vescovo d'Alba Marco Girolamo Vida allora in fama di secondo Virgilio. Dopo di che inizia una settimana d'intensi festeggiamenti - e impressionante il banchettare continuo di ottomila persone che ingurgitano e tracannano a dismisura - che tenderebbero a protrarsi se la notizia della morte, del 10 novembre, di Paolo III non imponesse l'obbligo d'interromperli per assumere, se non altro a corte, il doveroso lutto.

Purtroppo Francesco, in una partita di caccia sul lago, per un brusco movimento cade nell'acqua gelida il 9 dicembre; e se scampa all'annegamento, non sfugge a un attacco violentissimo di febbre che l'inchioda a letto sino alla fine di gennaio del 1550. Momentaneamente ristabilitosi, insofferente dei limiti imposti dalla convalescenza, imprudente non li osserva scrupolosamente. Sicché veemente l’aggredisce inesorabile la febbre stroncandone le capacità di resistenza. Vano l’affannarsi dei medici al suo capezzale, impotente la scienza dei luminari della medicina fatti accorrere dalla vicina Padova. Fatto testamento, confessatosi, comunicatosi e ricevuta l'estrema unzione - assistito dalla madre e dallo zio Ferrante, ma non dall'altro zio, il card. Ercole, allora bloccato a Roma - spirò a Mantova il 21 febbraio 1550.

Fonti e Bibl.: L'entrata della… signora Caterina… sposa dell'eccellentissimo duca di Mantova…, Mantova 1549; I Libri commemoriali della Repubblica di Venezia, Regesti, a cura di R. Predelli, VI, Venezia 1903; VII, ibid. 1907, ad Indices; Relazioni degli amb. veneti…, a cura di A. Segarizzi, I, Bari 1912, ad Ind.; I. Donesmondi, Dell'ist. eccl. di Mantova, II, Mantova 1616, ad Ind.; A. Possevino jr, Gonzaga…, Mantova 1628, ad Ind.; F. Amadei, Cronaca… di Mantova, II, Mantova 1955, pp. 562, 595, 598-651 passim; L.C. Volta, Compendio… della storia di Mantova…, III, Mantova 1831, pp. 11, 26-55 passim; Il fioretto delle cronache di Mantova raccolto da S. Gionta… accresciuto…, a cura di A. Mainardi, Mantova 1844, p. 124; C. D'Arco, Studi intorno al municipio di Mantova…, IV, Mantova 1872, pp. 40 s.; G.B. Intra, Il palazzo del Tè…, in Atti e mem. dell'Acc. Virgiliana del 1885-87, p. 279; Id., Nozze e funerali… dei Gonzaga, ibid.… del 1895-96, pp. 173-199; L. Cisorio, Medaglioni umanistici…, Cremona 1919, p. 49; L'Archivio Gonzaga, I, a cura di P. Torelli, Ostiglia 1920; II, a cura di A. Luzio, Verona 1922, ad Ind.; S. Brinton, The Gonzaga…, London 1927, ad Ind.; G. Fochessati, I Gonzaga, Milano 1930, pp. 63 s., 319; R. Quazza, Mantova…, Mantova 1933, pp. 124-126; Mantova, La storia, II-III; Le lettere, II; Le arti, II-III, Mantova 1958-65, ad Indices; E. Castelli,  I banchi feneratizi ebraici nel Mantovano…, Mantova 1959, pp. 55-59, 260; The Jews in the Duchy of Milan, a cura di S. Simonsohn, Jerusalem 1982, pp. 1139 s., 1146; G. Coniglio, I Gonzaga, Milano 1967, pp. 295-303 passim; La Sezione gonzaghesca del Palazzo ducale di Mantova. Monete…, a cura di A. Enghien - E. Ercolani Cocchi - R. Giovetti - R. Navarrini, Mantova 1987, p. 64; Giulio Romano, Milano 1989, pp. 164, 501, 522, 600 (sconsigliabile l'utilizzo dell'indice ove F. non solo non è distinto dagli omonimi, ma è, per di più, privo dei rinvii a lui effettivamente relativi); G. Malacarne, Araldica gonzaghesca…,Mantova 1993, pp. 136, 250; S. Guazzo, La civil conversazione, a cura di A. Quondam, Modena 1993, ad Ind.

 

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria