Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
Homeil Monferrato Dinastie Paleologi
Paleologi
I Paleologi
Teodoro I
Giovanni II
Secondotto
Giovanni III
Teodoro II
Giangiacomo
Giovanni IV
Guglielmo VIII
Bonifacio III
Guglielmo IX
Bonifacio IV
Giovanni Giorgio
Secondotto

a cura di ROBERTO MAESTRI

La nascita di Ottone II detto Secondotto deve essere riportata al 1360; infatti, egli ha 12 anni quando muore il padre; probabilmente la scelta del nome è in onore di San Secondo, patrono della città di Asti,
Il testamento di Giovanni II stabilisce che Secondotto rimanga sotto la tutela dello zio Ottone di Brunswick e del conte Amedeo VI di Savoia fino al compimento dei 25 anni; nel caso in cui egli muoia senza figli, il potere deve passare al fratello Giovanni e poi, se necessario, al terzogenito Teodoro od al quartogenito Guglielmo, salvo che, nel frattempo, qualcuno di loro scelga la carriera ecclesiastica. A ciascuno dei tre fratelli minori deve essere assegnato un appannaggio costituito da località del Marchesato, comprese alcune parti di Alba, di Mondovì e dei redditi di Asti, per le quali essi devono in ogni modo riconoscere l'autorità del tutore e di Secondotto.
Il 25 marzo 1376, si celebra il matrimonio tra Ottone di Brunswick e la regina di Napoli Giovanna I d'Angiò. Tale unione comporta per Ottone nuove e importanti attenzioni lontano dal Monferrato, venendo ad influire negativamente sulle sorti del Marchesato e sui figli di Giovanni II, dei quali egli conserva la tutela.
A seguito del matrimonio, il 2 agosto 1377, di Secondotto con Violante (1354 - † 1386), figlia di Galeazzo Visconti, si profila un'alleanza Monferrato-Milano contro Savoia-Acaia. Dopo l'occupazione di Asti da parte del fratello di Ottone di Brunswick, Secondotto chiede aiuto al cognato Gian Galeazzo Visconti per riconquistarla. Nel febbraio 1378 essi attaccano Asti, depongono l'usurpatore e si spartiscono il potere. Ma l'accordo non regge e Gian Galeazzo ha il sopravvento sul debole cognato. Secondotto, forse pensando di essere in pericolo, abbandona il Monferrato per una destinazione a noi ignota. Il 16 dicembre dello stesso anno, egli, durante una sosta a Langhirano nel Parmense, viene assassinato, a seguito di un alterco, da uno stalliere che pare essere un sicario inviato da Gian Galeazzo. Come riferisce Benvenuto Sangiorgio, nella sua Cronica, il corpo di Secondotto è portato a Parma e sepolto nella chiesa principale della città.
Secondotto è giudicato negativamente da tutti gli storici. Non solo debole ed inetto, ma anche violento e dissoluto.
Il potere passa così automaticamente nelle mani del giovane Giovanni III, mentre Ottone di Brunswick si precipita da Napoli in Monferrato per occuparsi dei problemi provocati della nuova situazione politica e dal malcontento delle popolazioni sottoposte ai soprusi del defunto Marchese. Ottone tratta con Gian Galeazzo Visconti, tentando di recuperare Asti, con interposti uffici dell'imperatore Venceslao, ma senza ottenere alcun risultato.

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria