Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
Homeil Monferrato Dinastie Aleramici
Aleramici
Gli Aleramici
Guglielmo I
Aleramo
Guglielmo (di Aleramo)
Oddone I
Guglielmo III
Oddone II
Guglielmo IV
Ranieri
Guglielmo V
Corrado
Bonifacio I
Guglielmo VI
Bonifacio II
Guglielmo VII
Giovanni I
Guglielmo IV

a cura di ROBERTO MAESTRI



Liberamente tratto dagli Annali del Monferrato (951-1708) di Aldo di Ricaldone

Guglielmo, figlio di Oddone II e di Costanza di Savoia, nacque tra il 1030 ed il 1035.

Le prime notizie su di lui risalgono a quando compare a Savona nel 1059, per consentire, indotto probabilmente dalle richieste dei cittadini, ad una serie di pesanti limitazioni della sua autorità comitale nella città e nel castello, vincolandosi al riguardo con un giuramento solenne che sarà rinnovato l'8 febbraio 1085. In un diploma del maggio 1093, in cui l'imperatore Enrico IV dona alla chiesa di Pavia il monastero di Breme con tutte le sue dipendenze, viene citato Wilelmi marchionis che possiamo identificare nel nostro Guglielmo.

Il documento più significativo che riguarda Guglielmo risale al 15 settembre 1096. Con esso "Uvilielmus marchio filius quondam Uvilielmi et Ota iugalis eius filia quondam Tebaldi et Uvilielmus filius presicti Uvilielmi et Ote, et Oto filius item Otonis, seu Petrus filius Roberti, atque coniunx eius Ermengarda filia predicti Tebaldi et Tezo filius iamdicti Petri et Ermengarde" concedono alla chiesa di Santo Stefano di Allein i loro diritti sulla medesima e sulle sue dipendenze. Tebaldo di Allein ebbe dunque due figlie: Otta ed Ermengarda: quest'ultima sposò Pietro figlio di Roberto da cui nacque Tezo;  Otta fu la moglie di un Ottone, da cui un altro Ottone, poi, in seconde nozze, del marchese Guglielmo IV figlio del fu Guglielmo III, pure marchese dal quale, tra gli altri, nacque un altro Guglielmo. La carta del 1096 ci fornisce notizie di tre generazioni aleramiche, completando le notizie dell'atto già noto del 28 dicembre 1100 con il quale Guglielmo e Ranieri "fratres et marchiones filii et filia quondam Uvilielmi marchionis de Ravenna, seu Otta comitissa, mater et filii et filia quondam Tibaldi de Aglendo et relicta quondam iamdictivir Uvilielmi marchionis quondam vir meus", stando "infra castrum Tridini qui dicitur burgum novum" donano per l'anima del rispettivo loro padre e marito, beni in Cornale e Matasco alla chiesa di Sant'Eusebio di Vercelli. In questo documento Guglielmo viene definito marchionis de Ravenna, probabilmente perchè gli era stato affidato dall'imperatore Enrico IV qualche particolare incarico in quella città.

Possiamo altresì ritenere che i possedimenti valdostani dei marchesi di Monferrato nel secolo XII derivino dal matrimonio di Guglielmo con Otta figlia Tibaldo di Agledo (Aglié). Dalla prima moglie di Guglielmo, di cui ignoriamo il nome, nacque Enrico il Balbo che diventò marchese della Rocchetta ed un altro Guglielmo di cui sappiamo poco o nulla; mentre Ranieri nacque dalla unione con Otta di Aglié.

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria