Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
Homeil Monferrato Dinastie Aleramici
Aleramici
Gli Aleramici
Guglielmo I
Aleramo
Guglielmo (di Aleramo)
Oddone I
Guglielmo III
Oddone II
Guglielmo IV
Ranieri
Guglielmo V
Corrado
Bonifacio I
Guglielmo VI
Bonifacio II
Guglielmo VII
Giovanni I
Guglielmo I

a cura di GIANCARLO PATRUCCO

Ci rivela il Panegyricus Berengarii imperatoris che un certo Guglielmo scende dalla Francia in Italia, tra il 888 e il 889, al seguito del marchese Guido di Spoleto, “amicos ter centum”.

Molti hanno tentato un accostamento tra questo Guglielmo e quello citato come padre di Aleramo (vedi la scheda corrispondente)  nella donazione che questi fece all’abbazia di Grazzano nel 961.  Altri hanno avanzato dubbi perché una prova provata non c’è, però col tempo la tesi ha finito per essere universalmente accettata sulla base delle corrispondenze di alcune date e dell’approfondimento delle ricerche relative al complesso passaggio avvenuto nell’impero franco proprio in quel periodo, con particolare riguardo alla posizione della famiglia aleramica.

E cominciamo dunque da qui.

L’accurato studio di Regine Le Jan sui rapporti tra famiglia e potere all’interno del mondo franco ci fornisce qualche pregevole indizio sulla zona di origine della famiglia. Fa osservare, la Le Jan, che l’ingrandimento del regno, fino ad arrivare al grande impero di Carlomagno e anche dopo, imponeva ai Carolingi di presidiare i territori di nuova acquisizione con il trasferimento e il radicamento di famiglie a loro fedeli, accasandole su terre pubbliche.

Con una complessa indagine sulla trasmissione onomastica, la Le Jan riesce a identificare non soltanto le famiglie, ma anche la zona di provenienza di molte di loro: un triangolo tra Mannheim, Worms e Lorsch, nel Medio Reno, oggi tedesco ma ai tempi cui ci riferiamo posto al limite orientale del territorio austrasiano. Probabilmente, lì stanno le radici degli Aleramici, ma anche quelle dei Robertingi da cui si dipanò poi la successione fra i Carolingi e la “terza linea di Francia”, quella dei Capetingi. Molti indizi, anche documentali, convergono a dimostrare un’affinità parentale fra Aleramici e Capetingi, pur se nessuno è mai stato in grado di dimostrare attraverso quali specifiche figure.

Ma perché Guglielmo si è trasferito in Italia? Che rapporti aveva con Guido di Spoleto? Qui la questione si fa davvero complessa e dovremo seguirla con molta attenzione.

La prima menzione di un radicamento della famiglia aleramica (o almeno di una parte di essa) nel nuovo ordine imperiale compare nel Cartolario dell’abbazia di Montieramey dell’anno 837. Essa riguarda un Aleramo conte di Troyes, ultimo lembo settentrionale della Borgogna, accanto alla Contea di Brienne, prima che avvenga la riorganizzazione territoriale che porterà alla nascita della Champagne. Questo Aleramo è un eroe. Fidelis di Ludovico il Pio e, alla sua morte, di Carlo il Calvo, è lui ad essere incaricato di sedare la rivolta di Bernardo di Septimania, riuscendo nell’impresa ma perdendoci la vita, come è avvenuto ad altri suoi fratelli prima di lui. Quanto agli eredi, nulla si sa, tanto da accreditare la troppo facile conclusione che non abbia lasciato figli, almeno maschi, dietro di sé. 

Ma altri due documenti richiamano la nostra attenzione:

il primo tratta di un giudizio che Carlomagno è chiamato a dare nel 775, a proposito di un monastero conteso tra la grande abbazia di saint Denis e il vescovo di Parigi. Nel testo compare un “Adelramno de parte sanctii dionisii”, senz’altra qualifica;

il secondo riguarda l’intervento di un Aleramo, in qualità di conte palatino, quale componente il tribunale reale in una causa tra l’abbazia di saint Denis e un certo Angalvino.

Il primo atto è del 775, il secondo del 868. Supponendo che questi due Aleramo facciano parte della famiglia di Troyes, questo loro coinvolgimento negli affari dell’abbazia di saint Denis ci fa supporre non uno, bensì due luoghi di radicamento aleramico.

Questo di saint Denis assume poi un rilievo particolare nel contesto delle vicende che accadono in Francia durante la seconda metà del IX secolo. E’ il 885 quando, dopo aver compiuto numerose scorrerie lungo le coste e condotto sanguinose razzie verso l’interno, approfittando delle chiglie quasi piatte dei loro drakkar per risalire i fiumi, i Normanni  si presentano davanti all’estuario della Senna con una flotta che mai si era vista così imponente: circa 700 navi, tra cui i più grandi battelli da trasporto, che rimarranno lungo la costa, e i più agili navigli che rimonteranno la foce per portare l’assalto al cuore dell’impero: Parigi e l’Ile de France.

Sulla loro strada c’è la contea del Vexin, un quadrilatero posto appena a nord-est de L’Ile de Paris, delimitato fra la riva dell’Andelle a ovest, l’Oise a est, l’Epte a nord e le curve della Senna nella sua parte meridionale. La contea si distingue poi per la sua natura giuridica particolare. Essa, come dominio della corona, viene infatti donata dal re merovingio Dagoberto o dai suoi successori, intorno al 690, alla potente abbazia di saint Denis. Di lì, per molti anni a venire, i conti del Vexin furono poco più che rappresentanti, in qualche modo protettori di saint Denis, e in battaglia portavano la bandiera dell’abbazia, l’orifiamma che divenne poi tanto famosa  da sostituire il vessillo con la cappa di san Martino in testa agli eserciti francesi.

Nella linea di trasmissione del Vexin compare per la prima volta in questa nostra storia la famiglia dei Nibelughi (Nibelungidi, Nivelonidi), che vanta una illustre discendenza da Childebrand I,  fratello di Carlo Martello e figlio di Pipino di Herstal. Qui troviamo anche un Aleramo, probabilmente quel conte palatino che ha partecipato al giudizio reale sulla causa del 868 riguardante saint Denis, nelle vesti di sposo di una sorella di Theoderic e figlia di Nibelungo IV, conte del Vexin intorno al 853, a cui sembra faccia seguito proprio Aleramo intorno al 878.

Questo nostro Aleramo, che chiameremo provvisoriamente secondo per distinguerlo da quello di Troyes e di Barcellona, non è proprio un personaggio trascurabile. Dice Simon Mac Lean, ragionando di cerchie di potere: “La concentrazione di un arco di contee e monasteri importanti nelle mani di Theoderic e Aletramnus in un semicerchio a nord di Parigi fece di essi i giocatori chiave nella regione e li collocò efficacemente per capeggiare la difesa della città” .

Difesa a cui Aleramo II partecipa attivamente. In previsione dell’attacco normanno, i Franchi hanno abbozzato una strategia che si basa essenzialmente sui ponti. Costruire nuovi ponti, intorno a Parigi e lungo il percorso della Senna, oppure munire quelli esistenti con barbacani, torri e truppe, mira ad impedire agli invasori di scorrazzare liberamente, disperdendosi per rovinare le campagne intorno e poi concentrarsi a sorpresa per l’assalto. I ponti permettono a un esercito senza forza navale di aggirare l’ostacolo dei fiumi e anche di asserragliarsi nei pressi.

Pontoise o, per aderire alla dizione dell’epoca, Pons Hiserae,  è uno di questi snodi strategici. Lì è stato costruito un castro e lì vengono convogliati uomini armati a presidio. Al loro comando Aleramo, che resiste quanto può all’assedio portato dai Normanni alla sua postazione. Poi si ritira con i suoi verso Beauvais. Non è Aleramo II, ci precisa Christian Settipani, ma uno dei suo figli, Aleramo anche lui, che insieme al gemello Teoderico fa strage di Normanni al seguito dell’imperatore Carlo il Grosso quando, durante l’assedio sostenuto da Eudes (Oddone), il figlio di Roberto il Forte, e dal vescovo di Parigi Gaucelin, fa una sola, breve apparizione sulle alture di Montmartre.

Intanto, se la situazione di Parigi migliora e i Normanni sono in trattative, quella dell’impero rovina.

Carlo il Grosso si ammala gravemente a metà del 887 e muore  il 13 gennaio del 888, lasciando dietro di sé turbolenze in tutte le regioni periferiche dell’impero e un solo erede carolingio diretto: Carlo il Semplice, un ragazzino di 8 anni, figlio postumo di Ludovico il Balbo.

Ci sarebbe anche Arnolfo, duca di Carinzia, che però è illegittimo e preferisce comunque, nel caos generale, cominciare a prendersi il titolo di re di quella regione, già appartenuta a suo padre Carlomanno.

Rimane un pretendente. Si tratta di Eudes, l’eroe di Parigi, il solo che sembra garantire un’efficace difesa contro il pericolo Normanno che ancora incombe. Ma esiste un problema di legittimità, in quanto l’incoronazione di Eudes verrebbe a sancire la fine del potere carolingio e l’interruzione della sua discendenza dinastica. E’ vero che, ormai, la linea carolingia è esangue,  ma il richiamo alla tradizione e alla sacralità della figura regia ha ancora un peso rilevante.

I “legittimisti” hanno dalla loro parte anche una figura di rilievo: Folco il Venerabile, arcivescovo di Reims, uomo dalle molte relazioni e dalla mente acuta. In quella mente nasce l’idea di chiamare dall’Italia Guido, duca di Spoleto e di Camerino, che nel momento della disputa sul trono di Francia sta disputandosi a sua volta la corona d’Italia col marchese del Friuli Berengario.

Guido non può contare su alcun rapporto di parentela con i Carolingi, al contrario del suo competitore Berengario, che vanta un’ascendenza carolingia per linea materna. Eppure è Guido, con cui Folco è legato da un rapporto di parentela che si nota attraverso il loro epistolario, a oltrepassare le Alpi e presentarsi in Francia come pretendente alla corona, contando sull’appoggio di Folco e di influenti sostegni in Bretagna e in Borgogna. Fra loro, Anscario, figlio di Amedeo d’Oscheret e poi iniziatore della dinastia degli Anscaridi, marchesi d’Ivrea, il conte di Langres Milone e il vescovo Geilo (o Geilone) che incoronerà Guido nella sua cattedrale di Langres.

Ma il tempo di Guido non è mai venuto. Mentre Geilo lo incorona, ancora nessuno dei due sa che i grandi di Francia, riuniti a Compiegne il 29 febbraio, acclamano Eudes quale re di Francia. 

E Folco? Mentre Geilo prepara la cerimonia d’incoronazione per Guido, Folco ha già messo da parte quella possibilità, cercando di convincere Arnolfo di Carinzia a fare quel passo che non vuol fare e progettando un avvenire per Carlo il Semplice, che invece si concretizzerà. Sarà Folco stesso, infatti, a incoronarlo a Reims nel 893 e a sostenerlo durante i primi mesi di duri contrasti con Eudes, finché quest’ultimo accetterà il compromesso, riconoscendolo ufficialmente nel 897 e designandolo in qualità di erede alla sua morte. Ciò che avverrà solo un anno dopo, nel 898.

Arrivati a questo punto, possiamo riprendere il nostro discorso intorno ad Aleramo II e, poi, Guglielmo. Dall’opera di Flodoardo apprendiamo che Aleramo è ancora a Beauvais e che condivide le idee legittimiste dell’arcivescovo, schierandosi al suo fianco. Possiamo immaginare come la situazione precaria di quegl’anni turbolenti segnino profondamente la sua vita politica e anche personale, di cui sarà ricompensato da Carlo il Semplice il 25 maggio del 900, con la concessione dei pagi di Chamsesais e Pertois, nel Chalonnais.

Il suo nome compare nel libro dei morti dell’abbazia di saint Denis e ripreso in quello della prioria di Argenteuil. Morto il 14 luglio di un anno presumibilmente risalente si primi del X secolo.

Niente di documentabile lo lega al Guglielmo che segue il marchese Guido di Spoleto nel suo deludente ritorno in Italia. Niente, tranne l’opportunità e la consuetudine. Soltanto un Guglielmo figlio o nipote di un Aleramo poteva rinnovare proprio quel nome nel suo primogenito. E soltanto quell’Aleramo di Beauvais aveva la possibilità di permettergli di giungere in Italia con adeguato seguito e adeguata considerazione da parte di una così distinta compagnia.

Infatti, in Italia noi lo conosciamo conte. Di quale territorio lo dobbiamo ad Aldo A. Settia, che ne individua i confini con la ben nota competenza e precisione. Si tratta della Judiciaria Torrensis o comitato Toresianus o anche, semplicemente, Torresana, dal nome del Castrum Turris che sorgeva sul colle tra Villadeati e Cardona, accanto alla pieve dedicata a san Lorenzo. Un distretto rurale, dunque, che scompare nella seconda metà del X secolo, probabilmente riassorbito dalla revisione territoriale voluta da Berengario II.

Lì, Guglielmo svolge le sue mansioni, comparendo a tratti nei diplomi regi. Fino al 924. Quindi il suo nome scompare per essere sostituito, nel 933, da quello di Aleramo. Nell’arco di tempo fra il 924 e il 933, dunque, si situano la morte di Guglielmo e il passaggio del titolo ad Aleramo.

Bibliografia essenziale

AA. VV., Panegyricus Berengarii imperatoris, in Scriptorum, tomo IV MGH, Hannover, 1841

Abbone, Bella Parisiacae Urbis, in Poeti latini medii aevi, tomo IV, parte I, MGH, Hannover, 1899

Achenbach-Wahl, Histoire du Vexin Français- Normand, Magny-en-Vexin, 1894

Barelli, Il diploma di Ottone I ad Aleramo V del 23 marzo 967, in Bollettino Storico-Bibliografico Subalpino, LV,  fascicolo I, gennaio-giugno 1957

Bautier, Le règne d'Eudes (888-898) à la lumière des diplômes expédiés par sa chancellerie, in Comptes-rendus des séances de l'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres, 105° anno, n. 2, 1961.

(di) Carpegna Falconieri, GUIDO, conte marchese di Camerino, duca marchese di Spoleto, re d'Italia, imperatore, Dizionario Biografico degli Italiani (Treccani), 2004, vol. 61

Delettre, Histoire du Diocese de Beauvais, Desjardins, Beauvais, 1842

Dümmler, Gesta Berengarii Imperatoris. Beitræge zur GeschichteItaliens im Anfange des zehnten Iahrhunderts,Halle, Buchhandlung des Waisenhauses, 1871

Durando (a cura di), Cartario dei monasteri di Grazzano, Vezzolano, Crea e Pontestura, in Cartari minori, I, Pinerolo 1908

Favre, Eudes, comte de Paris e roi de France (882-898), Bouillon, Parigi,1893

Felibien, Histoire de l’abbaye royale de saint Denis en France, Leonard, Parigi, 1706

Flodoardo. Historia Remensis Ecclesiae, Accademia Imperiale di Reims, 1854

Flodoardo, Annales, (a cura di Philippe Lauer), Picard, Parigi, 1905

Guizot, Abbon, Le siege de Paris par les Normands, in Memoires relatifs a l’histoire de France, Briere, Parigi, 1824

Kelley, The Nibelungs, Periodical by Foundation for Medieval Genealogy (FMG)

Lalore,Collection des principaux cartulaires du diocèse de Troyes, Thorin, Parigi, 1875-1890

Lauer, Recueil des actes de Charles III le Simple, roi de France, in Chartes et diplômes relatifs à l’histoire de France, Parigi, 1940-1949

Le JanFamille et pouvoir dans le monde franc (VII – X secolo), Sorbona, Parigi, 1995

Mac Lean, Kingship and Politics in the Late Ninth Century, University Press, Cambridge, 2003

Patrucco, Sulle tracce di Aleramo, Circolo culturale “I marchesi del Monferrato”, 2013

SchiaparelliI diplomi di Ugo e di Lotario, Tipografia del Senato, Roma, 1924

Settia, Castrum Turris, il Colle di S. Lorenzo e i Longobardi in Monferrato, in Longobardi in Monferrato – archeologia della Iudiciaria Torrensis, Casale Monferrato, Museo Civico, 2007

Settia, Iudiciaria Torrensis e Monferrato, in Studi Medievali, 1974, 3^ serie, XV, II

Settipani, La Préhistoire des Capetiens. 481-987, vol. I, Patrick van Kerrebrouck, Villeneuve d’Ascq, 1993 

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria