Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
Homeil Monferrato Personaggi illustri
Personaggi illustri

Condottieri, Principesse, Letterati
Anne d'Alençon
Arianiti Costantino
Arrivabene Giovanni Francesco
Astesano Antonio
Bagarotti Antonio
Baronino Bartolomeo
Barzizza Guiniforte
Beccaria (Beccio) Incisa Grattarola Francesco
Bellone Niccolò
Bobba Ascanio
Bobba Marcantonio
Bottazzo Giovanni Iacopo
Bruno Ludovico
Caccia Guglielmo detto il Moncalvo
Caccia Orsola Maddalena
Cairo Ferdinando
Campana Cesare
Cane Beatrice
Cane Facino
Cane Ottaviano
Cane Ruggero
Canepanova Guglielmo
Cantelmo Berengario
Cantoni Gaspare
Capello Oliviero
Carletti Angelo
Carrara Giovanni Michele Alberto
Cassini Samuele
Castellari Bernardino
Clerico Ubertino
Cocconato Annibale Radicati
Cocconato Giovanni
Cocconato Guidetto di
Cocconato Guido
Cocconato Pietro
Cocconato Uberto
De' Ferrari Giolito Bernardino
De' Ferrari Giolito Gabriele
De' Ferrari Giovanni senior
Della Fonte Bartolomeo
Duglioli Elena
Faà Camilla
Filelfo Giovanni Mario
Franco Nicolò
Gaffurio Franchino
Galeotto del Carretto
Gattinara Mercurino Arborio
Grammorseo Pietro
Guazzo Stefano
Litta Biumi Pompeo
Margherita Paleologo
Morétti Cristoforo
Pio V

Guazzo Stefano

Stefano Guazzo nacque a Casale Monferrato nel 1530 e morì a Pavia nel 1593. Proveniente da nobile famiglia, compì studi di diritto ed entrò al servizio dei Gonzaga, seguendo Ludovico in Francia, e rimanendovi sette anni. Tornato in Italia nel 1562, lavorò per Margherita Paleologa, madre del duca Guglielmo. Svolse poi alcune missioni diplomatiche, ancora per conto dei Gonzaga, in Francia e presso la corte pontificia. Nel 1561 fondò l’Accademia degli Illustrati, alla quale partecipò con il nome di Elevato. Nel 1574 usciva a Brescia il trattato La Civil Conversazione , che godette di grande successo e fu ristampato in molte edizioni e traduzioni. Nel 1586 pubblicava a Milano i Dialoghi piacevoli, di argomento composito. Nel 1589 si trasferì a Pavia, con il figlio Giovanni Antonio che vi svolgeva gli studi di diritto. Sempre a Pavia, prese parte all’Accademia degli Affidati.

La Civil Conversazione

Insieme al Cortegiano e al Galateo è il terzo libro fondativo della cultura europea di Antico regime. Pubblicato per la prima volta a Brescia, presso Tommaso Bozzola, nel 1574, dopo una gestazione di alcuni anni, questo trattato in forma dialogica diviso in quattro libri, dedicato a Vespasiano Gonzaga duca di Sabbioneta, è dedicato essenzialmente della formazione del nobile, anche come privato gentiluomo. Alla prima edizione seguì, a distanza di cinque anni, nel 1579, una nuova edizione, con correzioni d'autore e diversi ampliamenti, pubblicata a Venezia presso Altobello Salicato.
Il successo della Civil conversazione fu straordinario: tra il 1579 e il 1613 il trattato risulta tradotto in francese, inglese, latino, tedesco, olandese, ceco. In Italia viene ristampato almeno trentaquattro volte tra il 1574 e il 1631 (sempre a Venezia, tranne l'edizione Trini del 1587 pubblicata a Piacenza). L'edizione di riferimento è quella a cura di Amedeo Quondam, Modena, Panini, 1993, in due volumi, che prende come testo-base la riedizione del 1579.
L'impianto in quattro libri, l'ambientazione serale dei dialoghi, la finzione dell'autore che è assente dalla scena del dialogo e la struttura dell'argomentazione rinviano strettamente al Libro del Cortegiano. Qui però il dialogo si svolge solo tra due interlocutori: Annibale e il Cavaliere.
Che cosa si intende per conversazione civile? Per la prima volta nella cultura volgare il termine civile non è più solo attributo del civis (cittadino, membro di una comunità urbana), ma è inteso, come lo intendiamo noi oggi, relativamente alle " qualità dell'animo", e cioè ai " costumi" e alle " maniere" degli uomini. Guazzo rompe così, sulla scia di Erasmo, la dipendenza semantica tra civile e città presente ancora nella letteratura umanistica fiorentina (municipale e repubblicana) e in Machiavelli: a tutti è consentito, tramite l'educazione, diventare civili.
Il primo libro tratta dei "frutti del conversare" e insegna a distinguere "le buone dalle cattive conversazioni". Nel secondo libro si classificano le maniere "convenevoli" del conversare e si stabiliscono regole particolari della conversazione tra giovani e vecchi, nobili e borghesi, principi e privati, dotti e indotti, cittadini e forestieri, religiosi e secolari, uomini e donne. Il terzo libro fissa i modi della conversazione domestica, tra marito e moglie, padri e figli, padroni e servitori. Nell'ultimo libro si rappresenta " la forma della civil conversazione" con l'esempio di un banchetto offerto a Casale a Vespasiano Gonzaga. La " civil conversazione" è conversazione " onesta, lodevole e virtuosa".


Liberamente tratto da: http://www.italica.rai.it/rinascimento/parole_chiave/schede/guazzostefano.htm
 

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria