Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
Homeil Monferrato Personaggi illustri
Personaggi illustri

Condottieri, Principesse, Letterati
Anne d'Alençon
Arianiti Costantino
Arrivabene Giovanni Francesco
Astesano Antonio
Bagarotti Antonio
Baronino Bartolomeo
Barzizza Guiniforte
Beccaria (Beccio) Incisa Grattarola Francesco
Bellone Niccolò
Bobba Ascanio
Bobba Marcantonio
Bottazzo Giovanni Iacopo
Bruno Ludovico
Caccia Guglielmo detto il Moncalvo
Caccia Orsola Maddalena
Cairo Ferdinando
Campana Cesare
Cane Beatrice
Cane Facino
Cane Ottaviano
Cane Ruggero
Canepanova Guglielmo
Cantelmo Berengario
Cantoni Gaspare
Capello Oliviero
Carletti Angelo
Carrara Giovanni Michele Alberto
Cassini Samuele
Castellari Bernardino
Clerico Ubertino
Cocconato Annibale Radicati
Cocconato Giovanni
Cocconato Guidetto di
Cocconato Guido
Cocconato Pietro
Cocconato Uberto
De' Ferrari Giolito Bernardino
De' Ferrari Giolito Gabriele
De' Ferrari Giovanni senior
Della Fonte Bartolomeo
Duglioli Elena
Faà Camilla
Filelfo Giovanni Mario
Franco Nicolò
Gaffurio Franchino
Galeotto del Carretto
Gattinara Mercurino Arborio
Grammorseo Pietro
Guazzo Stefano
Litta Biumi Pompeo
Margherita Paleologo
Morétti Cristoforo
Pio V

Grammorseo Pietro

S. Baiocco, voce GRAMMORSEO, Pietro, in Dizionario biografico degli italiani, Roma IEI, www.treccani.it

 

Pittore fiammingo originario di Mons (capoluogo dello Hainaut, nell'odierno Belgio) noto, attraverso opere firmate e documenti, solamente per la sua attività piemontese, accertata almeno a partire dal 1521.
Il primo documento che lo riguarda, redatto a Casale Monferrato il 1° ag. 1521, lo dice figlio di un defunto maestro Rolet de Moncia e fa riferimento al contesto entro il quale egli si trovò a operare nel breve arco della sua attività attualmente nota. Si tratta di un atto riguardante i patti relativi alla dote che il pittore casalese Francesco Spanzotti (fratello del più noto Martino) doveva al G. per il matrimonio tra questo e la figlia Caterina; ma allo stesso tempo rappresenta un vero e proprio contratto di società, in quanto prevedeva che il pittore forestiero abitasse con il suocero per "laborare et exercere officium sive exercitium suum pictorie"; per parte sua lo Spanzotti si impegnava a dividere a metà i proventi e a mantenere il G. con la moglie e i loro eventuali figli (Schede Vesme, p. 1602).
La critica ha ricondotto alla prima produzione del G. la tavola con i Ss. Giovanni Battista e Lorenzo (Besançon, Musée des beaux-arts), che probabilmente è l'opera più antica tra quelle oggi note (Romano, 1966, p. 124).
Poco dopo il 1521 si deve collocare la collaborazione con l'astigiano Gandolfino da Roreto per il polittico destinato al duomo di Asti, raffigurante la Madonna col Bambino, la Crocifissione e i Ss. Giovanni Battista, Giulio, Orsola con una donatrice edEulalia (Torino, Museo civico d'arte antica).

La realizzazione di quest'opera è sicuramente successiva al 1521, poiché in quell'anno si definì la donazione che portò alla costruzione della cappella e dell'altare su cui era collocata. L'analisi stilistica permette di riferire al G. la maggior parte dell'opera: l'intero registro inferiore e la Crocifissione al centro di quello superiore (Baiocco).

Dell'8 genn. 1523 è la commissione affidata a "Magister Petrus de Monserio Flamengus pictor", da parte di Margherita Guiscardi e dei suoi figli, per realizzare un'ancona destinata alla chiesa di S. Francesco a Casale.

Nel contratto l'opera, suddivisa in più scomparti, viene descritta con precisione: la tavola centrale doveva raffigurare il Battesimo di Cristo, sulla sinistra erano previsti i Ss. Antonio da Padova e Defendente e sulla destra i Ss. Barbara e Antonio; nel registro superiore l'artista doveva inserire due tavole rispettivamente con i Ss. Vincenzo e Margherita a sinistra, S. Giacomo e s. Eusebio a destra, mentre il coronamento superiore prevedeva una Crocifissione con Dio Padre e la predella Storie di s. Giovanni Battista (Schede Vesme, p. 1368). La precisa descrizione contenuta nel documento ha consentito di riconoscere come spettanti a questa commissione due tavole acquisite in tempi diversi dalla Galleria Sabauda di Torino: il Battesimo firmato e datato 1523 e il laterale con i Ss. Antonio da Padova e Defendente (Romano, 1987).

Un'altra opera del G. era stata segnalata, nella stessa chiesa casalese, alla fine del Settecento da Luigi Lanzi e da Giuseppe De Conti: si tratta della Madonna col Bambino e santi (Vercelli, palazzo arcivescovile), firmata e datata 1524 (ibid.).

Queste prime importanti commissioni casalesi evidenziano come il pittore, pur entrando in stretto rapporto con la famiglia Spanzotti, fosse portatore di un linguaggio autonomo, fortemente innovativo rispetto a Martino Spanzotti (tuttora non si conosce alcuna opera certa di Francesco); tale autonomia è certo dovuta alla sua formazione oltralpina, ormai compiuta, e alla conoscenza di fatti leonardeschi e dureriani, mediata con consapevolezza alla luce di quanto di meglio poteva offrire in quegli anni il panorama piemontese e lombardo (spunti da Defendente Ferrari e da Gaudenzio, ma soprattutto dagli "eccentrici" Pedro Fernández e Cesare da Sesto).

Non si è finora chiarita la provenienza della Madonna col Bambino e s. Pietro Martire, firmata e datata 1525, acquisita all'inizio del Novecento dalla Galleria Sabauda di Torino; si tratta però di un nuovo apice dell'artista, in cui la luce adamantina svela, nei protagonisti così come nella natura, una realtà cruda e palpitante. Dello stesso anno è il Matrimonio mistico di s. Caterina, siglato "P(etrus) G(ramorseus) F(aciebat) - 1525", di ubicazione ignota, segnalato da Ragghianti e da Moro.
La pala raffigurante l'Immacolata Concezione (Dublino, National Gallery of Ireland) riporta l'iscrizione "Petrus Gramorseus faciebat 1526", e corrisponde al dipinto segnalato all'inizio dell'Ottocento nella parrocchiale di Boscomarengo (in provincia di Alessandria) - anche se non è certo che fosse stato commissionato per quella sede - passato in seguito alla collezione londinese di sir Henry Howorth (Wynne; Romano, 1970, p. 36 n. 3).
Nello stesso anno l'attività casalese del pittore sembra essere intensa e forse almeno in parte svincolata dalla bottega del suocero, poiché il G. stipulò un contratto di apprendistato con cui prese a bottega per un periodo di quattro anni tale Domenico de Cauda, sul quale non si hanno altre informazioni (Schede Vesme, p. 1368).
Nel 1527 si collocano le ultime notizie che ricordino in vita il G.: si tratta di due atti (del 29 agosto e del 27 ottobre) che non fanno riferimento alla sua attività, ma che ribadiscono i nessi con l'ambiente casalese (ibid., p. 1368).
Il G. risulta essere morto alla data del 21 ag. 1531, quando il testamento di Gabriele Spanzotti (canonico della cattedrale di Casale, fratello di Francesco e Martino) prevede un lascito alle nipoti Anastasia e Margherita, figlie del "quondam magistri Petri Gram Morsio pictoris" e di Caterina (ibid., p. 1603; Romano, 1970, p. 36 n. 2).

La critica ha attribuito al G. il S. Francesco (Pavia, Pinacoteca Malaspina), reso noto da Romano (1966), poiché mostra le caratteristiche della sua pittura: in particolare coincide con il s. Antonio da Padova della tavola della Sabauda.
Dubbi sono stati invece giustamente sollevati sulla iscrizione presente sull'Adorazione dei magi già nella collezione Traugott di Stoccolma (Torino, collezione privata), che ne riporterebbe l'esecuzione al G. nel 1523 (Brizio, p. 135; Mallé, pp. 5 s.): si tratta infatti di un'opera inconciliabile con quanto sappiamo del percorso del G., di qualità decisamente inferiore e comunque più tarda (Romano, 1966, p. 123). Non sembra altresì condivisibile l'ipotesi di riferire al G. la pala in S. Sebastiano a Biella con i Ss. Giovanni Evangelista, Sebastiano e Agostinoche presenta un donatore (Brizio, p. 135), per la quale è stato indicato più correttamente, anche se in via di ipotesi, il nome di Sebastiano Novelli, ovvero dell'unico pittore piemontese la cui formazione si possa definire in qualche modo legata all'esperienza del G. (Romano, 1970).

Fonti e Bibl.: A.M. Brizio, La pittura in Piemonte dall'età romanica al Cinquecento, Torino 1942, pp. 132-137, 224 s.; L. Mallé, Contributo alla conoscenza del G., in Boll. della Società piemontese di archeologia e belle arti, n.s., XIV-XV (1960-61), pp. 3-16; G. Romano, Profilo del G., in Arte antica e moderna, XII (1966), 34-36, pp. 123-129; M. Wynne, Una tavola del G. ritrovata, in Boll. della Società piemontese di archeologia e belle arti, n.s., XXIII-XXIV (1969-70), pp. 97 s.; G. Romano, Casalesi del Cinquecento, Torino 1970, pp. 49 s.; Schede Vesme. L'arte in Piemonte, IV, Torino 1982, pp. 1367-1369, 1602 s.; C.L. Ragghianti, Pinacoteca Malaspina, in Critica d'arte, V (1985), 2, p. 54; F. Moro, "Carta di tornasole": la pala di Giovan Francesco Bembo con i santi Stefano e Francesco, in Paragone, XXXVII (1986), 439, p. 32; G. Romano, Un "Battesimo di Cristo" di P. G., in Boll. d'arte, LXXII (1987), 43, pp. 109-116; S. Baiocco, Profilo di Gandolfino da Roreto, in Gandolfino da Roreto e il Rinascimento nel Piemonte meridionale, a cura di G. Romano, Torino 1998, pp. 261 s., 315.

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria