Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
Homeil Monferrato Personaggi illustri
Personaggi illustri

Condottieri, Principesse, Letterati
Anne d'Alençon
Arianiti Costantino
Arrivabene Giovanni Francesco
Astesano Antonio
Bagarotti Antonio
Baronino Bartolomeo
Barzizza Guiniforte
Beccaria (Beccio) Incisa Grattarola Francesco
Bellone Niccolò
Bobba Ascanio
Bobba Marcantonio
Bottazzo Giovanni Iacopo
Bruno Ludovico
Caccia Guglielmo detto il Moncalvo
Caccia Orsola Maddalena
Cairo Ferdinando
Campana Cesare
Cane Beatrice
Cane Facino
Cane Ottaviano
Cane Ruggero
Canepanova Guglielmo
Cantelmo Berengario
Cantoni Gaspare
Capello Oliviero
Carletti Angelo
Carrara Giovanni Michele Alberto
Cassini Samuele
Castellari Bernardino
Clerico Ubertino
Cocconato Annibale Radicati
Cocconato Giovanni
Cocconato Guidetto di
Cocconato Guido
Cocconato Pietro
Cocconato Uberto
De' Ferrari Giolito Bernardino
De' Ferrari Giolito Gabriele
De' Ferrari Giovanni senior
Della Fonte Bartolomeo
Duglioli Elena
Faà Camilla
Filelfo Giovanni Mario
Franco Nicolò
Gaffurio Franchino
Galeotto del Carretto
Gattinara Mercurino Arborio
Grammorseo Pietro
Guazzo Stefano
Litta Biumi Pompeo
Margherita Paleologo
Morétti Cristoforo
Pio V

Caccia Orsola Maddalena

 di G. Romano in Dizionario biografico degli italiani,  Cfr. www.treccani.it

Figlia del pittore Guglielmo e di Laura Oliva, se ne ignora la data esatta di nascita, ma il fatto che l'atto di morte, del 26 luglio 1676, la dica ottantenne la fa risalire con buona approssimazione allo scorcio del sec. XVI. Una conferma viene dalla possibilità di intravederne i primi interventi nei dipinti del padre solo dopo l'anno 1615.
Intorno al 1620 la C. entrò nel convento delle orsoline di Bianzé, dove rimase fino al 15 apr. 1625, data di fondazione (Negri, 1896, p. 116) di un nuovo convento di monache a Moncalvo: qui il Caccia padre, finanziatore del nuovo istituto, fece trasferire la quattro figlie fattesi monache. In una supplica al vescovo di Casale precedente l'atto di fondazione si fa cenno esplicitamente all'attività della C. in collaborazione col padre secondo precise convenzioni finanziarie (Minoglio, p. 105). Un altro documento di particolare interesse a questo riguardo è il testamento di Guglielmo, in data 5 nov. 1625 (Negri, 1896, pp. 120-122), da cui risulta che Orsola Maddalena e la sorella Francesca, poi divenuta anch'essa monaca, sarebbero state usufruttuarie dei quadri piccoli e dei disegni del padre fino alla loro morte, in quanto tale materiale era utile per la loro attività pittorica. In effetti, per lungo tempo dopo la morte del padre, la C. ripete nei suoi modi femminei e diligenti i temi paterni, dissanguandone vieppiù la maniera in dipinti devozionali e in pale d'altare per numerose chiese, non solo piemontesi. La sua pittura ebbe successo anche presso la corte sabauda; restano sue lettere connesse con opere di pittura dirette alla infanta Margherita di Savoia (1643). Nel 1665 era sicuramente ancora attiva; il 17 aprile di quell'anno accolse nel convento di Moncalvo la pittrice Laura Bottero col nome di suor Candida Virginia: l'atto di monacazione precisa i doveri della novizia nei confronti del convento come artista in proprio, pur sotto la supervisione della C., e come futura maestra di altre novizie portate alla pittura (v. Schede Vesme, p. 188). Dopo il 1665 non si hanno più notizie dirette della C. fino alla registrazione della sua morte (25 luglio 1676).

Come pittrice, la figlia di Guglielmo Caccia non ha avuto molta fortuna postuma, anzi le fonti settecentesche sembrano preferirle la sorella Francesca (in religione Anna Guglielma), che, morta ventenne il 18 dic. 1628(Negri, 1896, pp. 211 s.), non deve aver prodotto nulla di veramente personale (non si conosce nessuna opera di sua mano). Solo recentemente (1964) l'identificazione di alcune nature morte di mano della C. (tre nel municipio di Moncalvo e altre sul mercato antiquario di Torino e Firenze) ha rinnovato l'interesse degli studiosi nei suoi confronti.Con tutta probabilità gli inizi della C. vanno ricercati in dipinti come l'Immacolata della parrocchiale di Rosazza, la Madonna col Bambino dormente della parrocchiale di Bianzé, la Natività dei depositi di Palazzo Bianco a Genova, dove idee tipiche del padre risultano eseguite da una mano più diligente e diminutiva, che tende a far virare la gamma cromatica verso toni freddi e azzurrini. Cronologicamente, queste opere cadono tra il 1615 e il 1620, e saranno seguite presto da molte altre in cui la personalità della C. si fa sempre più indipendente. È sicuramente sua la parte alta del Martirio di s. Maurizio ai Cappuccini di Torino (c. 1623) e spetta ugualmente alla sua mano, almeno in gran parte, il S.Maurizio nella chiesa di S. Francesco a Moncalvo, lasciato in tronco dal padre alla sua morte (1625) e condotto a termine dalla figlia subito dopo per disposizione testamentaria. La ricostruzione del percorso successivo, sempre abbastanza omogeneo, si appoggia ai pochi dipinti datati giunti fino a noi: il S. Antonio nella chiesa della Madonna a Lu Monferrato (1632), le Sante Lucia,Agata e Liberata in S. Antonio a Moncalvo (1637), il S. Giovanni Battista nella parrocchiale di Montemagno (1644). Sono purtroppo andati perduti tanto la Sacra Famiglia, già presso Vincenzo De Abbate ad Alba, databile al 1648, quanto il S.Antonio, datato 1665, già presso Giovanni Minoglio a Moncalvo: risulta pertanto impossibile ordinare cronologicamente l'attività tarda della C., caratterizzata da un pesante incupirsi dei colori e da un sempre minore controllo formale.

La produzione della pittrice supera certamente il centinaio di dipinti conservati, e qui di seguito si fornisce solo un breve elenco, in ordine alfabetico per località, di opere più tipiche e qualitativamente meno superficiali. Biella, S. Sebastiano: Trinità e angeli. Casale Monferrato, Madonna del Tempio: Incoronazione della Vergine;Museo civico: Concerto d'angeli. Castellazzo Bormida, S. Maria: Matrimonio mistico di s. Caterina. Chieri, S. Giorgio: Strage degli innocenti. Genova, Annunziata del Vastato: Natività. Moncalvo, S. Francesco: Natività del Battista; Gesù assistito dagli angeli nel deserto; S. Antonino; S. Luca nello studio;buon numero di dipinti di piccola dimensione sono conservati nel municipio, provenienti tutti dal convento delle orsoline poi soppresso, Montabone, parrocchiale: Stendardo di S. Orsola, Pavia, chiesa del Carmine: Transverberazione di S. Teresa (copia dell'originale paterno in S. Teresa a Torino); oratorio del collegio Ghislieri: Natività;Pinacoteca civica: Natività della Vergine; Madonna col Bambino e un angelo. Roma, Galleria Spada: Estasi di s. Francesco. San Salvatore Monferrato, chiesa dell'ospedale: Sacra Famiglia al lavoro. Torino, Pinacoteca sabauda: S.Cecilia. Trino, S. Bartolomeo: Presentazione al tempio;chiesa dei francescani: B. Salvatore d'Orta. Villadeati, parrocchiale: Cristo assistito dagli angeli nel deserto. Villanova d'Asti, S. Martirio: Intercessione di s. Carlo Borromeo. Per un disegno della C. caratteristico della sua fase più tarda, si veda il foglio con figure di santi in preghiera della Biblioteca Reale di Torino (cat. Bertini, n. 275).

Fonti e Bibl.: Schede Vesme, I, Torino 1963, pp. 188, 229-231 (con quasi tutti i documenti; già pubbl. in Atti della Soc. piem. di archeol. e belle arti, XIV [1932]); P. A. Orlandi, L'Abecedario pittorico, Bologna 1704, p. 240; G. A. Irico, Rerum Patriae libri tres, Milano 1745, pp. 226, 275, 364 s.; F. Bartoli, Notizia delle pitture..., I, Venezia 1776, p. 122; G. Della Valle, Vite... scritte da M. Giorgio Vasari..., VII, Siena 1792, pp. 14, 58 ss.; G. De Conti, Ritratto della città di Casale... a tutto l'anno corrente 1794, a cura di G. Serrafero, Casale Monferrato 1966, pp. 27, 46 ss.; L. Lanzi, Storia pittorica della Italia, Milano 1824-25, IV, p. 402; G. Minoglio, Moncalvo. Brevi cenni stor., Torino 1877, pp. 17, 21 ss.; F. Negri, Il Moncalvo (notizie su documenti), in Rivista di storia,arte,archeologia per le provincie di Alessandria e Asti, IV (1895), pp. 266 s., 269 s.; V(1896), pp. 116, 118-124, 127, 210 ss., 218-23; C. Lupano, Moncalvo sacra…, Moncalvo 1899, pp. 39-41, 72, 90, 113-118, 175, 181, 185; F. Negri, Il santuario di Crea, in Riv. di storia,arte,archeol. per le provincie di Alessandria e Asti, XI (1902), 2, pp. 16, 20; Id., I pittori di Trino, in Il beato Oglerio nella storia e nell'arte di Trino e di Lucedio, Casale Monferrato 1914, pp. 68, 71; A. Venturi, Storia dell'arte italiana, IX, 7, Milano 1934, pp. 566 ss.; N. Cambursano, Rinascita di capolavori, in Onoranze a mons. G. Bolla, Asti s.d. (ma 1948), pp. non nn.; A. Bertini, I dis. ital. della Bibl. Reale di Torino, Roma 1958, p. 40; A. Griseri, L'autunno del manierismo alla corte di Carlo Emanuele I e un arrivo caravaggesco, in Paragone, XII (1961), 141, pp. 25 s.; A. Peroni, Restauri e nuove accessioni delle civiche raccolte d'arte (catalogo), Pavia 1963, p. 51; V. Moccagatta, Guglielmo Caccia detto il Moncalvo..., in Arte lombarda, VIII (1963), 2, pp. 183-192, 228, 231-243 (passim); La natura morta italiana (catal.), Milano 1964, pp. 24 2.; G. Romano, Nature morte in Piemonte, in Arte antica e moderna, 1964, pp. 428-432; V. Viale, Civico Museo F. Borgogna: I dipinti (catal.), Vercelli 1969, p. 62; G. Romano, N. Mussoa Roma e a Casale, in Paragone, XXII (1971), 255, pp. 54 s.; U. Thieme-F. Becker, Künstlerlexikon, V, p. 334 (p. 333 per Francesca).

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria