Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
Homeil Monferrato Personaggi illustri
Personaggi illustri

Condottieri, Principesse, Letterati
Anne d'Alençon
Arianiti Costantino
Arrivabene Giovanni Francesco
Astesano Antonio
Bagarotti Antonio
Baronino Bartolomeo
Barzizza Guiniforte
Beccaria (Beccio) Incisa Grattarola Francesco
Bellone Niccolò
Bobba Ascanio
Bobba Marcantonio
Bottazzo Giovanni Iacopo
Bruno Ludovico
Caccia Guglielmo detto il Moncalvo
Caccia Orsola Maddalena
Cairo Ferdinando
Campana Cesare
Cane Beatrice
Cane Facino
Cane Ottaviano
Cane Ruggero
Canepanova Guglielmo
Cantelmo Berengario
Cantoni Gaspare
Capello Oliviero
Carletti Angelo
Carrara Giovanni Michele Alberto
Cassini Samuele
Castellari Bernardino
Clerico Ubertino
Cocconato Annibale Radicati
Cocconato Giovanni
Cocconato Guidetto di
Cocconato Guido
Cocconato Pietro
Cocconato Uberto
De' Ferrari Giolito Bernardino
De' Ferrari Giolito Gabriele
De' Ferrari Giovanni senior
Della Fonte Bartolomeo
Duglioli Elena
Faà Camilla
Filelfo Giovanni Mario
Franco Nicolò
Gaffurio Franchino
Galeotto del Carretto
Gattinara Mercurino Arborio
Grammorseo Pietro
Guazzo Stefano
Litta Biumi Pompeo
Margherita Paleologo
Morétti Cristoforo
Pio V

Bagarotti Antonio

 di N. Raponi, voce Bagarotti, Antonio, in Dizionario biografico degli italiani, Roma IEI, www.treccani.it

Nacque a Padova il 31maggio 1477 da famiglia di origine piacentina, scacciata da Piacenza dal duca Filippo Maria Visconti. Era nipote, secondo altri figlio, di Bertuccio, il giurista padovano condannato a morte da Venezia per aver preso parte nel 1509 alla ribellione di Padova contro la Signoria.
Laureatosi in giurisprudenza, il B. insegnò per qualche tempo allo Studio, padovano, poi passò al servizio dell'imperatore Massimiliano con altri suoi concittadini avversati dalla Repubblica veneta. Nel luglio del 1509 figura infatti, con i fratelli Pietro e Marco, in una lista di padovani sottoposti alla confisca dei beni e fuorusciti. Nel 1511 è ricordato al seguito di Matteo Lang come consigliere e uomo d'armi, e nelle file imperiali prese parte a vari scontri, in Italia e fuori, guadagnandosi anche fama di buon soldato; dall'imperatore Massimiliano, in compenso dei servizi prestati, ebbe assegnato un sussidio di 30 fiorini al mese.
Nel 1517 presidiò Salò a capo di un drappello di soldati imperiali; poi fino al 1519 soggiornò a Trento; nell'agosto di quell'anno si portò, con altri concittadini fuggiaschi, in Spagna per fare omaggio al nuovo imperatore Carlo V e per sollecitare il suo intervento presso la Repubblica veneta al fine di ottenere la restituzione dei beni confiscati e il permesso di rientrare nella sua città. Nel 1520 intervenne in suo favore presso la Repubblica anche il legato papale Altobello de' Averoldi, vescovo di Pola, ma inutilmente.
A cominciare dal 1521 il B. assunse l'ufficio di oratore del marchese, poi duca, di Mantova, Federico II, presso l'imperatore Carlo V, conservando questo ufficio per una decina di anni.
I suoi dispacci dalla corte imperiale, di cui seguiva gli spostamenti in Spagna, in Germania, nelle Fiandre, in Italia, sono una fonte preziosa per la storia politica e religiosa di quegli anni, tanto che di essi si servì abbondantemente il Sanuto per i suoi diari.
Il B. continuava intanto a far pratiche per la restituzione dei beni alla sua famiglia presso l'imperatore e presso Ferdinando di Austria, il quale gli confermò il 3 apr. 1524 una pensione annua di 200 fiorini per i servizi prestati sin dal tempo di Massimiliano e, più tardi, propose a Venezia un trattato ove era anche contemplata la restituzione dei beni a molti fuorusciti padovani, compreso il Bagarotti. Analoghi favori sollecitò da Carlo V al congresso di Bologna del 1530, al quale il B. dovette probabilmente prendere parte, ottenendo alfine dal governo veneziano che alla sua famiglia, comprendente i fratelli Marco e Pietro, venisse assegnata una somma di 500 ducati d'oro a compenso dei beni sequestrati.

[Il B. fu parte attiva nelle trattative di matrimonio tra donna Giulia d’Aragona ed il Marchese di Monferrato, Gian Giorgio Paleologo nel 1533.]
Dell'attività del B. negli anni successivi non si hanno notizie precise; fu per qualche tempo al servizio di Alfonso d'Avalos, marchese del Vasto, governatore di Milano; poi forse del principe Ottavio Farnese a Parma. Si stabilì quindi definitivamente a Milano, contando sulla pensione di 276 ducati annui concessigli da Carlo V. La pensione gli era stata assegnata per metà sui redditi del fisco e per metà sulla tratta delle biade del Regno di Napoli e gli venne rinnovata sulle entrate ordinarie e straordinarie dello Stato di Milano, come appare da una sua supplica del 1° luglio 1542 in cui sollecita il pagamento dell'assegno dicendosi ormai vecchio e incapace di attendere ancora alle fatiche militari.
A causa dei dissesto delle finanze milanesi, la pensione non gli veniva però pagata con regolarità; il 5 sett. 1554 il gran cancelliere Taverna e il presidente del Senato Arrigoni, su un'ennesima richiesta del B., ordinavano al magistrato delle Entrate e al tesoriere generale dello Stato di versargli 5o scudi d'oro in acconto sugli arretrati della pensione, saliti ad oltre 900 scudi, buona parte dei quali aveva dovuto peraltro cedere a Leonardo Spinola, cassiere dei banchiere Tommaso Marino, per ottenere almeno una parte del credito.
Il B. morì a Milano il 10 dic. 1555. Non ebbe a quanto pare figli maschi; una figlia, Maddalena, andò sposa al conte Agostino di Lodron.
Fonti e Bibl.: Alcuni dispacci del B., ampiam. utilizzati dal Sanuto (Diari,XXXI-LIII, Venezia 1891-1899, passim),sono nell'Arch. di Stato di Mantova (Arch. Gonzaga), bb. 567, 2977, 2978 ss.; qualche documento è nell'Archivio di Stato di Milano (Registri della Cancelleria spagnola,serie 1ª, n. 2, cc. 73-76). Altri documenti sono editi da A. Bonardi, IPadovani ribelli alla Repubblica di Venezia (1500-1530). Studio storico con appendici di documenti inediti,in Miscellanea di storia veneta,s. 2, VIII (1902), pp. 454 ss. Cfr. inoltre: N. Comneni Papadopoli, Historia gymnasii Patavini,I, Venetiis 1726, p. 226; G. M. Mazzuchelli, Gli Scrittori d'Italia,II, 1,Brescia 1758, p. 41; S. Davari, Federico Gonzaga e la famiglia Paleologa del Monferrato,Genova 1891, p. 103; V. Forcella, Iscrizioni delle Chiese e degli altri edifici di Milano,I,Milano 1899, p. 370; G. Mensi, Diz. biogr. piacentino,Piacenza 1899, p. 49; F. Chabod, Usi e abusi nella amministrazione dello stato di Milano a mezzo il Cinquecento,in Studi storici in onore di G. Volpe,Firenze 1949, pp. 149 s.; C.Pasero, Francia Spagna Impero a Brescia (1509-1516), Brescia 1958, p. 380; Mantova. La storia. II. Da Ludovico secondo Marchese a Francesco secondo Duca,Mantova 1961, pp. 276, 277, 302, 325 ss., 332, 335 s., 361.

Cfr. anche Pierluigi Piano, Un frammento di storia cinquecentesca. Il carteggio di Isabella II di Aragona con Antonio Bagarotto, oratore presso l’imperatore Carlo V, e la figlia, donna Julia di Aragona, sposa di Gian Giorgio Paleologo (30 novembre 1530 – 20 maggio 1533, Ferrara), «Arte e Storia», Casale Monferrato, 12, dicembre 2000, pp. 63 – 88

 

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria