Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
Homeil Monferrato Personaggi illustri
Personaggi illustri

Condottieri, Principesse, Letterati
Anne d'Alençon
Arianiti Costantino
Arrivabene Giovanni Francesco
Astesano Antonio
Bagarotti Antonio
Baronino Bartolomeo
Barzizza Guiniforte
Beccaria (Beccio) Incisa Grattarola Francesco
Bellone Niccolò
Bobba Ascanio
Bobba Marcantonio
Bottazzo Giovanni Iacopo
Bruno Ludovico
Caccia Guglielmo detto il Moncalvo
Caccia Orsola Maddalena
Cairo Ferdinando
Campana Cesare
Cane Beatrice
Cane Facino
Cane Ottaviano
Cane Ruggero
Canepanova Guglielmo
Cantelmo Berengario
Cantoni Gaspare
Capello Oliviero
Carletti Angelo
Carrara Giovanni Michele Alberto
Cassini Samuele
Castellari Bernardino
Clerico Ubertino
Cocconato Annibale Radicati
Cocconato Giovanni
Cocconato Guidetto di
Cocconato Guido
Cocconato Pietro
Cocconato Uberto
De' Ferrari Giolito Bernardino
De' Ferrari Giolito Gabriele
De' Ferrari Giovanni senior
Della Fonte Bartolomeo
Duglioli Elena
Faà Camilla
Filelfo Giovanni Mario
Franco Nicolò
Gaffurio Franchino
Galeotto del Carretto
Gattinara Mercurino Arborio
Grammorseo Pietro
Guazzo Stefano
Litta Biumi Pompeo
Margherita Paleologo
Morétti Cristoforo
Pio V

Arrivabene Giovanni Francesco

di S. Carando in Dizionario biografico degli italiani, Cfr. www.treccani.it

Figlio di Leonardo e di Paola Cattabeni, nacque a Mantova intorno al 1515, se può essere considerato coetaneo di Niccolò Franco al quale l'A. apparve presto legato da comuni esperienze letterarie.
Membro dell'Accademia degli Argonauti, fondata a Casale dal Franco, con il nome di Oronte, nel 1547 pubblicò, insieme con alcuni componimenti di altri accademici, quattro sonetti e due ecloghe marittime intitolate: Hidromantia Maritima e Cloanto (in G. J. Bottazzo, Dialogi maritimi, Mantova 1547, cc. 127, 142-143, 154-167).
Dall'indice si apprende che l'opera avrebbe dovuto contenere anche due dialoghi dell'A., uno riguardante le "Isole" e l'altro il "Bussolo, la Calamita et gli Inventori di tutte le cose navali", ma la stampa fu rimandata al secondo libro e si ignora se questo sia stato mai pubblicato.
Di scarso interesse si rivelano i sonetti, ove l'amore per Melite suggerisce comunque al poeta qualche delicata immagine di tradizione classica. Più importanti sono le ecloghe, specialmente la seconda, scritta in forma di dialogo, che, dietro lo schermo della reminiscenza virgiliana, adombra, fra l'altro, la polemica tra il Franco (Cloanto) e l'Aretino per diffondersi poi nelle lodi del cardinale Ercole e di Ferrante Gonzaga.
Al problema dell'amore (ma con le intenzioni del teorico, non già del poeta di Melite) ritorna l'A. nell'Oratione agli amanti,pubblicata da VenturinoRuffinelli in una silloge Delle lettere di diversi autori, I, Mantova 1547, cc. 72-82.
Lo scrittore intende chiarire che "il discorso amoroso è nato più tosto dalla conoscenza del mio e d'e mali altrui, che non dalle scole di Platone ove non sogliono entrare i poveri come son'io". E in effetti l'opera assume, per l'andamento più oratorio che filosofico e certo calore autobiografico, una fisionomia particolare rispetto allo stile della trattatistica d'amore, anche se le conclusioni non divergono sostanzialmente dai canoni del contemporaneo petrarchismo platonizzante (libero dai fallaci piaceri d'amore, l'animo potrà approssimarsi alle più alte opere e alla contemplazione di Dio).
Dalle lettere che compaiono nella raccolta del Ruflinelli possiamo trarre notizia di altre poesie scritte dall'A. (madrigali e sonetti pubblicati in varie raccolte del tempo) e conoscere particolari riguardanti la sua vita privata, come l'amicizia che lo legava a Giambattista Possevino, col quale l'A. afferma di aver trascorso la fanciullezza e compiuto i primi studi; ed anche trovare conferma dei suoi affettuosi rapporti col Franco, che egli ospitò nella sua casa quando il beneventano si trasferì da Casale a Mantova.
Nel 1549 l'A. accompagnò in Francia il padre Leonardo, che si recava alla corte di Caterina de' Medici, ma dovette tornare subito in Italia se nel febbraio del 1550 poteva scrivere da Roma ai Gonzaga per informarli dell'elezione di papa Giulio III. Un incarico analogo gli fu affidato cinque anni dopo, quando, morto Giulio III, si aprì il nuovo conclave che portò all'elezione di Marcello II.
Dal 1550 in poi, mentre si fanno più rare le notizie che si riferiscono all'attività letteraria dell'A., s'incontrano sempre più numerosi,i dati che attestano la sua attività diplomatica presso i Gonzaga. Divenne "famigliare" del cardinale Ercole, quando questi fu eletto da Pio IV presidente del collegio dei legati al concilio di Trento e rimase con lui dal 1561 al 1563, ragguagliando periodicamente la corte estense sulle divergenze,che sorgevano tra i partecipanti al concilio e su qualunque avvenimento si presentasse degno di nota.
Nel luglio 1562 fu a Roma per presentare al papa le dimissioni del Gonzaga, dimissioni che Pio IV respinse. Nel 1565, operando in tutt'altro settore della diplomazia gonzaghesca, gli fu assegnato il coordinamento delle notizie che pervenivano alla cancelleria ducale e la redazione di importanti dispacci contenenti istruzioni per i vari inviati mantovani. Si trovò quindi al centro dell'azione diplomatica disposta dal duca Guglielmo per il definitivo possesso del Monferrato contro le ambizioni di Emanuele Filiberto di Savoia.
Era desiderio dei duca ottenere l'appoggio imperiale in questa questione e l'A. si recò personalmente a Milano per trattare col governatore don Gabriele de La Cueva.
Oltre questa missione non si hanno elementi per ricostruire l'attività diplomatica dell'A., di cui è ignota la data di morte.


Fonti e Bibl.: Concilium Tridentinum, diariorum, actorum...,ed. Soc. Goerresiana, Friburgi i. B., I, 1901, p. LXXVII, n. 4; II 2, ibid. 1911, p. 563, n. 2; VIII, Actorum pars V,ibid. 1919, p. 311, n. 1; G. M. Mazzuchelli, Gli Scrittori d'Italia,I, 2, Brescia 1753, p. 1137; V. De Conti, Notizie storiche della città di Casale e del Monferrato, V,Casale 1840, p. 328; C. Simiani, Niccolò Franco. La vita e le opere,Torino 1894, pp. 31-33; E. Sicardi, Ancora dell'anno di nascita di N. Franco, in Giorn. stor. d. letter. ital., XIII (1895), pp. 170-172; A. Luzio, Leonardo Arrivabene alla corte di Caterina de'Medici,Bergamo 1902, pp. 13, 34; E. Carrara, La poesia pastorale,Milano s. d., p. 395; F. Valerani, Le Accademie di Casale nei secc. XVI e XVII,Alessandria 1908, pp. 14, 20, 22, 25 s.; J. Susta, Die Römische Kurie und das Konzil von Trient unter Pius IV, Wien 1909, II-IV,v. Indice;G. De Micheli, La vita di N. Franco, Arpino 1913, p. 44; L. v. Pastor, Storia dei Papi, VI,Roma 1927, pp. 39, 304; VII, ibid. 1928, pp. 202, 212; R. Quazza, La diplom. gonzaghesca, Milano 1941, pp. 40, 41, 73-75; H. Jedin, Gesch. des Konzils von Trient, I, Freiburg 1949, p. 57; A. Mercati, I Costituti di N. Franco dinanzi all'Inquis. di Roma, Città del Vaticano 1955, pp. 179, 192.

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria