Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
Homeil Monferrato Personaggi illustri
Personaggi illustri

Condottieri, Principesse, Letterati
Anne d'Alençon
Arianiti Costantino
Arrivabene Giovanni Francesco
Astesano Antonio
Bagarotti Antonio
Baronino Bartolomeo
Barzizza Guiniforte
Beccaria (Beccio) Incisa Grattarola Francesco
Bellone Niccolò
Bobba Ascanio
Bobba Marcantonio
Bottazzo Giovanni Iacopo
Bruno Ludovico
Caccia Guglielmo detto il Moncalvo
Caccia Orsola Maddalena
Cairo Ferdinando
Campana Cesare
Cane Beatrice
Cane Facino
Cane Ottaviano
Cane Ruggero
Canepanova Guglielmo
Cantelmo Berengario
Cantoni Gaspare
Capello Oliviero
Carletti Angelo
Carrara Giovanni Michele Alberto
Cassini Samuele
Castellari Bernardino
Clerico Ubertino
Cocconato Annibale Radicati
Cocconato Giovanni
Cocconato Guidetto di
Cocconato Guido
Cocconato Pietro
Cocconato Uberto
De' Ferrari Giolito Bernardino
De' Ferrari Giolito Gabriele
De' Ferrari Giovanni senior
Della Fonte Bartolomeo
Duglioli Elena
Faà Camilla
Filelfo Giovanni Mario
Franco Nicolò
Gaffurio Franchino
Galeotto del Carretto
Gattinara Mercurino Arborio
Grammorseo Pietro
Guazzo Stefano
Litta Biumi Pompeo
Margherita Paleologo
Morétti Cristoforo
Pio V

Cane Facino

(Casale Monferrato ca.1360 – Pavia 1412).

 

A cura di Pierluigi Piano.

Liberamente tratto da: D. M. Bueno De Mesquita, voce Cane, Facino, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 17, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana 1974, pp. 791 – 801 e da Facino Cane, in Note biografiche di Capitani di Guerra e di Condottieri di Ventura operanti in Italia nel 1330 – 1550, www.condottieridiventura.it .

 

 

“Lampi di tragedia, furori e devastazioni, intrighi, crudeltà e delitti fanno da sfondo alla figura di questo singolare personaggio”. Conte di Biandrate, ghibellino, Signore di Alessandria, Pavia, Como, Valenza, Vercelli, Piacenza, Novara, Tortona, Galliate, Borgo San Martino, Varese, Gavi, Castano Prino, Castiglione Olona, Cassano d’Adda. Uomo di grande ardire non meno che di orgoglio. Uomo fiero e capitano di soldati facinorosi e pronti. Severo nella disciplina, sapeva farsi amare dai suoi uomini con i quali condivideva tutti i pericoli…O, contra, come lo definì il Lomonaco “uomo sbalestrato di cervello”. “Il terribile”, come venne soprannominato, Facino, diminutivo di Facio ovvero Bonifacio, Cane. Figlio di Emanuele Cane di Casale Sant’Evasio (oggi Monferrato) dovette appartenere a uno dei rami meno ricchi dell’importante famiglia casalese del XIV secolo. Nacque poco prima del 1360, in quanto quando morì nel 1412 aveva quasi cinquantadue anni, sia perché iniziò la sua carriera militare molto giovane. Prima del 1377 ebbe le sue prime esperienze belliche a Casale M. con i fratelli Filippino e Marcolo. Nel 1377 milita nella compagnia di Lucio Sparviero al soldo di Firenze contro la Chiesa. Affianca Guido Chiavelli alla conquista di Fabriano nelle Marche. Nel settembre dello stesso anno partecipa alla battaglia di Matelica, sempre nelle Marche. Nell’ottobre - novembre del 1377 è al servizio del marchese Secondotto di Monferrato ed assedia Asti. Rodolfo di Brunswick: può entrare nella città solo per intervento delle milizie viscontee. Dal 1381 al 1384combattè nel Regno di Naopoli agli ordini di Ottone di Brunswick. Ebbe il compito, nell’agosto 1381, di attaccare in Napoli la porta di San Gennaro e di raggiungere Castel Capuano dall’interno della città. Sconfitto e fatto prigioniero, si dà allo sbando con il resto dell’esercito. Passa agli stipendi di Carlo di Durazzo. Nel settembre dell’anno successivo, 1382, combatte le truppe di Luigi d’Angiò. Nel 1383 si trova all’assedio di Barletta ed a novembre entra nella città. Nel maggio 1384 al comando di 50 lance è segnalato a Cortona.

 


il testo completo del saggio (in formato .pdf) è scaricabile cliccando sull'immagine del Condottiero

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria