Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
Homeil Monferrato Personaggi illustri
Personaggi illustri

Condottieri, Principesse, Letterati
Anne d'Alençon
Arianiti Costantino
Arrivabene Giovanni Francesco
Astesano Antonio
Bagarotti Antonio
Baronino Bartolomeo
Barzizza Guiniforte
Beccaria (Beccio) Incisa Grattarola Francesco
Bellone Niccolò
Bobba Ascanio
Bobba Marcantonio
Bottazzo Giovanni Iacopo
Bruno Ludovico
Caccia Guglielmo detto il Moncalvo
Caccia Orsola Maddalena
Cairo Ferdinando
Campana Cesare
Cane Beatrice
Cane Facino
Cane Ottaviano
Cane Ruggero
Canepanova Guglielmo
Cantelmo Berengario
Cantoni Gaspare
Capello Oliviero
Carletti Angelo
Carrara Giovanni Michele Alberto
Cassini Samuele
Castellari Bernardino
Clerico Ubertino
Cocconato Annibale Radicati
Cocconato Giovanni
Cocconato Guidetto di
Cocconato Guido
Cocconato Pietro
Cocconato Uberto
De' Ferrari Giolito Bernardino
De' Ferrari Giolito Gabriele
De' Ferrari Giovanni senior
Della Fonte Bartolomeo
Duglioli Elena
Faà Camilla
Filelfo Giovanni Mario
Franco Nicolò
Gaffurio Franchino
Galeotto del Carretto
Gattinara Mercurino Arborio
Grammorseo Pietro
Guazzo Stefano
Litta Biumi Pompeo
Margherita Paleologo
Morétti Cristoforo
Pio V

Cocconato Giovanni

(Giovannino, Janin) di A. A. Settia, in Dizionario biografico degli italiani,

Cfr. www.treccani.it

Figlio di Guido, che fu vicario regio di Parma nel 1311, e fratello di Pietro, vescovo di Piacenza, compare per la prima volta, con il diminutivo di Giovannino, in un documento privato del 16 maggio 1328, mentre non era compreso in un atto analogo del 1324; ciò vuole probabilmente indicare che il C. raggiunse la maggiore età fra queste due date; egli era dunque nato nel primo decennio del sec. XIV, ultimo di sei figli, dopo Bonifacio, Uberteto, Guglielmo, Ottobono e Pietro. Del padre seguì, con i fratelli, la linea politica di stretta aderenza al marchese di Monferrato Giovanni II Paleologo, pur rispettando formalmente il vincolo feudale verso il vescovo di Vercelli e riservandosi iniziative belliche in proprio, come quella condotta nel 1326-1329 contro il Comune di Chieri. Il C. fu presente, spesso con il fratello Ottobono, ad importanti fatti politici di quel periodo, come la dedizione di Asti al marchese di Monferrato, avvenuta il 9 ott. 1339, e la battaglia di Gamenario, combattuta presso Chieri nell'aprile del 1345, fra gli alleati ghibellini, capeggiati dal marchese di Monferrato, e l'esercito angioino. Un racconto metrico in francese a celebrazione della vittoria monferrina ricorda le prove dei "bons contes de Coconay / les preux Janin et Hottebon", i quali furono probabilmente in quell'occasione armati cavalieri poiché dopo di allora il titolo di miles ricorrerà costantemente accanto ai loro nomi.
Nel 1350-51 il C. fu podestà di Ivrea per conto di Giovanni di Monferrato, così come un altro Cocconato, Uberto, lo era stato di Vercelli nel 1329 e nel 1333. Fu presente, nel 1351, alla dedizione di Casale al marchese e fu ancora accanto al Paleologo in Pisa nel febbraio del 1355, durante la sua permanenza presso la corte di Carlo IV. Sembra perciò difficile riconoscere il C. nel Giovanni di Cocconato che fu podestà a Bologna in nome di Matteo Visconti e che, secondo le cronache, venne lasciato partire senza danno il 17 apr. 1355 da Giovanni Visconti di Oleggio, impadronitosi per conto proprio di quella città. Il marchese di Monferrato si era infatti staccato dai Visconti ancor prima della morte dell'arcivescovo Giovanni e della spartizione della sua signoria fra i nipoti, avvenuta nell'ottobre 1354; appare perciò poco attendibile l'ipotesi di una defezione del C. in favore degli avversari del marchese, tanto più che egli si trovava a Pisa nel febbraio del 1355. È da rilevare, inoltre, che egli non era l'unico Giovanni della sua casata: oltre a lui, distinto dal titolo di miles, almeno altri due suoi omonimi signori di Cocconato risultano presenti all'approvazione degli statuti del consortile l'11 nov. 1352.
Nonostante che nel 1355 Giovanni di Monferrato avesse ottenuto da Carlo IV il riconoscimento della sua piena signoria feudale su tutti i Cocconato, la presenza del C. presso il marchese continuò ad essere costante anche nel sesto decennio del secolo; lo si ritrova così a Genova nel 1359 e l'anno dopo in Asti, allorché il Paleologo venne eletto arbitro nelle contese in atto fra Genova e gli Aragonesi, mentre Bonifacio di Cocconato risulta "magister hospicii") del marchese. Ancora nel 1364 il C. fu tra i procuratori monferrini che trattarono la pace con i Visconti. Fu, questo, probabilmente l'ultimo suo incarico, poiché il 7 ott. 1365 in Chivasso il marchese confermò l'investitura di beni marchionali ad Abellone e a Guidetto, figli del C. ormai defunto. In quest'anno risulta morto anche il fratello Ottobono. I due fratelli non fecero dunque in tempo ad assistere al violento conflitto che scoppiò pochi anni dopo, nel 1368, fra i Cocconato e il marchese in seguito alla richiesta di totale sottomissione che questi pretendeva in applicazione dei diplomi concessigli nel 1355 da Carlo IV. Per spiegare la rottura il Sangiorgio ricorda un movimentato ma poco chiaro episodio: a Pisa, durante la seconda discesa di Carlo IV, sarebbe avvenuta una vera e propria disputa fra il marchese e Bonifacio di Cocconato, con esibizione e lacerazione pubblica di un diploma imperiale contestato. Sia o no così veramente accaduto, certo è che, come risposta alle pretese del Paleologo, il 1º apr. 1369 tutti i componenti della casata sottoscrissero un atto di adesione a Galeazzo Visconti, atto che in seguito venne periodicamente rinnovato, e che segnò dunque il distacco della condotta della loro politica da quella dei Paleologi di Monferrato, con i quali, peraltro, singoli membri del consortile continuarono ad avere anche in seguito rapporti di vassallaggio.

Si è voluto riconoscere in certi affreschi della canonica di Vezzolano (Albugnano, Asti) sepolcreto della famiglia nel XIV secolo la raffigurazione del C. in compagnia del fratello Pietro, vescovo di Piacenza; ma l'identificazione manca di sicuro fondamento.

Fonti e Bibl.: Archivio di Stato di Torino, Sezione I, Monferrato Feudi, mazzo 26, Cocconato, nn. 4, 6; Ibid., Biblioteca reale, ms. Storia patria 325, cc. 205r-207v; Brozolo (Torino), Archivio Radicati di Brozolo: V. del Corno, Tavole genealogiche storiche della nobilissima fam. dei conti Radicati [ms. sec. XIX], tav. 25 bis; B. Sangiorgio, Cronica [di Monferrato], a cura di G. Vernazza, Torino 1780, pp. 137, 140, 146, 148, 152, 155, 162, 168, 170, 178, 187, 286 s.; G. B. Moriondo, Monum. Aquensia, II, Torino 1790, docc. 112, 216; Liber iurium Reipublicae Genuensis, II, a cura di E. Ricotti, in Monum. historiae patriae, IX, Augustae Taur. 1857, docc. 216, 223, 230 s., 233; Matthaei de Grifonibus Memoriale hist. de rebus Bonon., in Rer. Ital. Script., 2 ed., XVIII, 2, a cura di L. Frati-A. Sorbelli, p. 59; Il "Libro verde" della Chiesa d'Asti, a C. di G. Assandria, Pinerolo 1904-1907, docc. 60 s., 93-98; F. Cognasso, I diplomi di Carlo IV per Giovanni II Paleologo di Monferrato, in Boll. d. R. Soc. pavese di storia patria, XXI (1922), pp. 21-37; Petri Azarii Liber gestorum in Lombardia, in Rer. Ital. Script., 2 ed., XVI, 4, a cura di F. Cognasso, pp. 32, 66 s., 71, 165, 175; L. Borello-A. Tallone, Le carte dell'Arch. comunale di Biella fino al1379, II, Voghera 1928, doc. 333; IV, Torino 1933, doc. 30; P. Brezzi, Gli ordinati del Comune di Chieri,1328-1329, Torino 1937, pp. 5, 73, 78, 109-112, 131, 139 s., 189-192, 208 ss., 238-243, 255; M. C. Daviso di Charvensod-M. A. Benedetto, Gli statuti del consortile di Cocconato, Torino 1965, pp. 17-23, 90 s., 105 s., 140-150; G. S. Pene Vidari, Statuti del Comune di Ivrea, II, Torino 1969, pp. 289, 304; P. L. Datta, Storia dei principi di Savoia del ramo di Acaia, II, Torino 1832, pp. 153 ss.; V. Mandelli, Il Comune di Vercelli nel Medio Evo, III, Vercelli 1858, pp. 282 s.; A. Bosio, Storia dell'antica abbazia ... di Nostra Signora di Vezzolano, Torino 1872, pp. 232-235; F. Gabotto, Asti e la politica sabauda in Italia al tempo di Guglielmo Ventura, Pinerolo 1903, pp. 440 ss.; A. Motta, Vezzolano e Albugnano, Milano 1933, pp. 24 s.; A. Sisto, Banchieri-feudatari subalpini nei secc. XII-XIV, Torino 1963, pp. 47, 111.

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria