Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
HomeAttività 2013
2013

Ferdinando Gonzaga
Alla scoperta dei misteri di Facino Cane
Assemblea Generale Elettiva
Camilla e Ferdinando, un amore senza fine
Centro di Documentazione
Dopo cinque secoli, Camilla Faà torna nella sua Casale
Facino Cane in Oltrepo
Facino Cane, condottiero del Quattrocento, Signore di Alessandria
Fede e cultura nel Monferrato
Fede e cultura nel Monferrato
Ferdinando Gonzaga e Camilla Faà
Forum sugli Stati Generali del Monferrato
Golosaria - Nec ferro nec igne
Golosaria - Stand Culturale
Grandi Donne nella storia del Monferrato
I Marchesi del Monferrato a sostegno della candidatura UNESCO
I Marchesi di Monferrato alle Crociate
I Tesori della Valle di Tufo
Il Grignolino e i vini dei Marchesi di Monferrato
Il matrimonio come affermazione del potere
Il Monferrato di Ferdinando Gonzaga
Il riordino territoriale dello Stato
Il ritorno a Mantova di Margherita Paleologo e di Camilla Faà
Il Trattato di Utrecht e il Monferrato
L'Italia dei territori: il caso Monferrato
La Cittadella di Casale Monferrato
La duchessa Margherita Paleologo nata a Pontestura
La storia di Camilla come case history di brand
Margherita Paleologo ad Incisa
Monaci, Cavalieri e Gran Maestri
Monferrato e Guastalla uniti da un matrimonio
Monferrato e Mondonio
Monferrato: i volti di un territorio con vocazione internazionale
Notte dei Ricercatori
Per vivere la Storia con Gusto
Ritratti di Donne del Monferrato
Salone Internazionale del Libro
Storia al femminile dei Ducati di Mantova e Monferrato
Sulle tracce di Aleramo
Sulle tracce di Aleramo
Sulle tracce di Aleramo
Una Principessa del Rinascimento
Verbal Tenzone
Voghera e il Monferrato

Sulle tracce di Aleramo

Galleria fotografica

Grazzano Badoglio (AT), sabato 9 novembre 2013

Le origini di Aleramo, fondatore del Monferrato sono da ricercare in Borgogna e non in Sassonia. È questa l’interessante tesi illustrata da Giancarlo Patrucco, autore del volume “Sulle tracce di Aleramo. Dalla Borgogna al Monferrato”, una pubblicazione che prende in esame in modo storico le origini della dinastia aleramica con una lunga analisi (durata circa tre anni), mirata a far luce su fatti, vicende e persone accaduti ed esistiti prima di Aleramo ed in particolare sulla genealogia dei predecessori di quello che è considerato il creatore del territorio del Monferrato. Nel salone di Casa Bodoglio il pomeriggio all’insegna della storia è iniziato con la proiezione del video sulle origini di Aleramo, sospeso fra storia e leggenda, il quale ha fatto da base per attirare l’attenzione di storici ed appassionati sul personaggio i cui resti riposano presso la Chiesa Parrocchiale situata in cima all’abitato grazzanese. “Dopo la puntata di Voyager – ha esordito il sindaco Rosaria Lunghi – abbiamo avuto la conferma in questi giorni che anche la nota rivista ‘Dove’ si occuperà di Grazzano effettuando un servizio e noi ne siamo orgogliosi”. Roberto Maestri, presidente del Circolo “I Marchesi del Monferrato” ha introdotto la presentazione tracciando la figura di Aleramo e del suo territorio. “Dal fondatore del Monferrato, territorio che per secoli ha mantenuto unite terre che vanno dalle pianure vercellesi alla costa ligure fra Cogoleto e Finale, sono passati poeti importanti come Carducci e Pascoli e molti uomini di cultura monferrini come Galeotto del carretto e Benvenuto Sangiorgio. Patrucco arriva a questo volume indagando per ben tre anni fra i pochi punti fermi della storia di Aleramo e i molti dati sconosciuti.” “Il punto di partenza – ha esordito l’autore - è certamente stato Grazzano, uno dei pochi luoghi certi della storia di Aleramo che nel 961 vi fondò l’abbazia sposando in seconde nozze, nella stessa data, Gerberga foglia di Berengario II, re d’Italia. Ma nulla si sa di molti aspetti e dati: ad esempio non si conosce la prima moglie, né la data di nascita stimata agli inizi del decimo secolo, né quella di morte, da collocare fra il 967 e il 991, quando il figlio Anselmo si dichiarò nel documento di fondazione dell’abbazia di Spigno “orfano” del padre. Inoltre non si sa alcunché sull’esistenza di eventuali fratelli e pure sulla tomba di Grazzano vi sono studi ed ipotesi diverse: il noto Olimpio Musso, studioso di epigrafia, sostiene infatti che il mosaico risalga al secondo secolo d.C. mentre uno studio della Soprintendenza colloca la data di realizzazione della pietra tombale trecento anni dopo la morte di Aleramo.” Interessante la ricerca sugli Aleramo dell’epoca, condotta da Patrucco, che ha portato a rintracciare alcuni individui nelle zone di Lodi e Modena, i quali però non avrebbero relazioni con l’Aleramo monferrino. Secondo la tradizione che vuole vedere perpetuare il nome nelle discendenze, l’indagine sulla presenza dei nomi Aleramo potrebbe infatti aiutare a far luce sulle sue origini. Le ricerche portano in Francia e più precisamente nella Borgogna dove Patrucco ha rintracciato un’intera discendenza di “Aleramo” esistita nel periodo delle scorribande normanne e delle lotte post Carlo Magno per il trono. Le notizie della discendenza degli Aleramo scompaiono dalla Francia proprio nel decimo secolo, quando si ritrova l’Aleramo monferrino, dalle sconosciute origini, in Piemonte. Che il mitico fondatore del Monferrato discenda da un’emigrazione proveniente dalla Borgogna e diretta all’Italia per cercare fortuna? Sarà proprio la dinastia di Aleramo?

Redazione Il Monferrato

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria