Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
HomeAttività 2012
2012

Facino Cane
A Venezia si studia il Monferrato “intangibile”
Alimentazione e Ristorazione Licet
Assemblea Generale
Camilla Faà torna a Ferrara
Carducci a Gamalero
Carducci a Rocca
Carducci e i trovatori del Monferrato
Emas Monferrato-Limburg
Facino Cane a Bologna
Facino Cane e Bergamo
Facino Cane e Filippo Maria Visconti:
Facino Cane signore di Valenza
Facino Cane, Signore di Mortara
Facino Cane, Signore di Varese, 1409
Ferrariae Decus in Monferrato
Giosuè Carducci e il suol d'Aleramo
Guardando il mare... da Cartosio
I Marchesi con Aregai e PLEF
I Marchesi del Monferrato in Olanda
I misteri di Camilla Faà in Biblioteca a Tortona
Il cioccolato in forma storica
Il Monferrato all'Unitre di Acqui
Il paesaggio violato
Il Po, autostrada del Rinascimento
Il Po, autostrada del Rinascimento
Il Prefetto di Asti e Monferrato splendido patrimonio
Il ritorno di Camilla Faà a Bruno
L'Università di Genova ricorda Geo Pistarino
La Ferrara di Camilla
La leggenda di Aleramo a Voyager
La storia dei Gonzaga all'Unitre
La Storia del Monferrato all'Unitre
Mantova - Nec ferro nec igne
Monferrato splendido patrimonio
Monferrato, una storia europea lunga sette secoli
Nec ferro nec igne – Nel segno di Camilla
Nec ferro nec igne
Nec ferro nec igne a Fontanile
Nel Monferrato in famiglia
Programmazione, manutenzione e salvaguardia negli Istituti Culturali
Quando Camilla passò in Oltrepò pavese
Riflessioni sul piccolo Stato
Ritratti di Principesse del Monferrato
Stand culturale
Trino - Donne del primo Cinquecento
Turismo e sviluppo locale
Un progetto innovativo tra storia, turismo, enogastronomia
Un protagonista del Quattrocento: Facino Cane
Un'assemblea con Camilla
Una Principessa per il Monferrato: Anne Valois d’Alençon (1492 – 1562)
Unesco e Monferrato
Valorizzare il Monferrato
Valorizzazione del Patrimonio culturale
Varese - Donne del primo Cinquecento
Verbal Tenzone
Vincenzo, duca del Monferrato

Trino - Donne del primo Cinquecento

Galleria fotografica
Rassegna stampa

Trino (VC), sabato 14 aprile 2012

Si è tenuto presso il Palazzo Paleologo di Trino il primo incontro dedicato a Principesse, sante vive, pellegrine e…Anna Valois d’Alençon, marchesa di Monferrato, in pellegrinaggio al Sacro Monte di Varallo e a Santa Maria del Monte di Varese.
Anne Valois d’Alençon, figlia del duca Renato d’Alençon e di Margherita di Lorena, sposa di Guglielmo IX, marchese di Monferrato, nel settembre 1517, partendo da Trino, si recò in pellegrinaggio al Sacro Monte di Varallo e da lì a Santa Maria del Monte sopra Varese. A Trino qualche mese prima aveva ricevuto con tutti gli onori la con suocera Isabella d’Este. La Marchesa di Mantova era di ritorno dal pellegrinaggio alla Sante Baume, la santa grotta, nei pressi di Marsiglia, dove si venerano le reliquie di Santa Maria Maddalena.  Nell’aprile 1517 a Casale si erano tenuti gli sponsali tra Federico II Gonzaga (nato nel 1500), figlio di Francesco II Gonzaga, marchese di Mantova, e Isabella d’Este, e Maria Paleologa (nata nel 1509), figlia del marchese di Monferrato, Guglielmo IX,e Anna d’Alençon. Anne amava passare lunghi periodi a Trino, durante le assenze del marito. Trino nel Quattrocento aveva visto il fiorire di una spiritualità nuova, grazie alle terziarie domenicane, da sempre protette dai Paleologi, tanto che la “santa viva” Maddalena Panattieri era chiamata da Guglielmo IX, “la mia mamma”. Anne successivamente (1528) favorirà le terziarie domenicane di Casale, donando con il cognato, Gian Giorgio, il Palazzo sito in Canton Brignano e vicini alla Chiesa ed  ospedale delle Grazie. Fu per volontà di Anne che le spoglie della Panettieri furono nascoste per sottrarle alla barbarie della guerra e alle scorrerie delle soldataglie imperiali e francesi.  Spiritualità nuove che portano a considerare queste donne “sante” già da vive, così Maddalena Panattieri sul finire del Quattrocento e Arcangela Girlani, sempre nata a Trino, carmelitana, all’inizio del Cinquecento. Anche la madre di Anne, Margherita di Lorena, dopo la morte del marito, avvenuta due giorni dopo la nascita di Anne, si era dedicata all’assistenza ai poveri e all’erezione di un monastero di Clarisse ad Alençon e ad Argentan, presi i voti  nel 1520, l’anno prima della sua morte, dette loro nuove regole e statuti. In questo contesto di spiritualità “nuova”, si inseriscono sia i pellegrinaggi di Isabella d’Este, marchesa di Mantova, che quelli di Anne d’Alençon. Varallo, la “Gerusalemme” piemontese, voluta dal Beato Caimi, decorata da Gaudenzio Ferrari, e ancora in allestimento.  Santa Maria del Monte di Velate (o se si vuole sopra Varese) dove si venera l’effigie della Madonna Nera, che, come quella del Santuario di Crea, opera dell’apostolo San Luca, portata l’una da Sant’Ambrogio, dopo la sua vittoria sugli ariani, l’altra, quella di Crea, da Sant’Eusebio, vescovo di Vercelli.  Presso il Sacro Monte di Varese negli ultimi decenni del Quattrocento in alcune grotte prospicienti la Chiesa si erano ritirate a vita eremitica alcune giovani donne, in particolare Caterina Moriggia da Pallanza e Giuliana Puricelli da Cascina dei Poveri tra Busto Arsizio e Verghera. Nel 1474 il pontefice Sisto IV aveva riconosciuto alle “romite” di Santa Maria del Monte l’affiliazione alle Agostiniane, con la possibilità di portare il velo nero delle Clarisse. Anne d’Alençon, nel settembre 1517, da Trino si recò in pellegrinaggio al Sacro Monte di Varallo e a Santa Maria del Monte di Varese, per poi far ritorno a Trino, dove febbricitante soggiornò alcuni giorni. Questo pellegrinaggio ha rappresentato lo spunto per presentare un aspetto poco noto della devozione femminile tra fine del Quattrocento e prima metà del Cinquecento.
All’incontro sono intervenuti: Graziana BolengoPierluigi Piano e Manuela Meni.
Roberto Maestri del Circolo Culturale "I Marchesi del Monferrato" ha presentato il calendario delle manifestazioni che si terranno in occasione del VI centenario della morte di Facino Cane (1412-2012).
Presenti il Sindaco di Trino Marco Felisati, il vice presidente del Consiglio Provinciale di Vercelli Gian Mario Demaria e l’On. Roberto Rosso che ha introdotto l’incontro.

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria