Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
HomeAttività 2012
2012

Facino Cane
A Venezia si studia il Monferrato “intangibile”
Alimentazione e Ristorazione Licet
Assemblea Generale
Camilla Faà torna a Ferrara
Carducci a Gamalero
Carducci a Rocca
Carducci e i trovatori del Monferrato
Emas Monferrato-Limburg
Facino Cane a Bologna
Facino Cane e Bergamo
Facino Cane e Filippo Maria Visconti:
Facino Cane signore di Valenza
Facino Cane, Signore di Mortara
Facino Cane, Signore di Varese, 1409
Ferrariae Decus in Monferrato
Giosuè Carducci e il suol d'Aleramo
Guardando il mare... da Cartosio
I Marchesi con Aregai e PLEF
I Marchesi del Monferrato in Olanda
I misteri di Camilla Faà in Biblioteca a Tortona
Il cioccolato in forma storica
Il Monferrato all'Unitre di Acqui
Il paesaggio violato
Il Po, autostrada del Rinascimento
Il Po, autostrada del Rinascimento
Il Prefetto di Asti e Monferrato splendido patrimonio
Il ritorno di Camilla Faà a Bruno
L'Università di Genova ricorda Geo Pistarino
La Ferrara di Camilla
La leggenda di Aleramo a Voyager
La storia dei Gonzaga all'Unitre
La Storia del Monferrato all'Unitre
Mantova - Nec ferro nec igne
Monferrato splendido patrimonio
Monferrato, una storia europea lunga sette secoli
Nec ferro nec igne – Nel segno di Camilla
Nec ferro nec igne
Nec ferro nec igne a Fontanile
Nel Monferrato in famiglia
Programmazione, manutenzione e salvaguardia negli Istituti Culturali
Quando Camilla passò in Oltrepò pavese
Riflessioni sul piccolo Stato
Ritratti di Principesse del Monferrato
Stand culturale
Trino - Donne del primo Cinquecento
Turismo e sviluppo locale
Un progetto innovativo tra storia, turismo, enogastronomia
Un protagonista del Quattrocento: Facino Cane
Un'assemblea con Camilla
Una Principessa per il Monferrato: Anne Valois d’Alençon (1492 – 1562)
Unesco e Monferrato
Valorizzare il Monferrato
Valorizzazione del Patrimonio culturale
Varese - Donne del primo Cinquecento
Verbal Tenzone
Vincenzo, duca del Monferrato

A Venezia si studia il Monferrato “intangibile”

Galleria fotografica
Rassegna stampa

La valorizzazione del Monferrato storico (cioé quello che per sette secoli ha governato l’area tra Casale, Acqui, Chivasso e Alba) ha preso avvio tra il 2005 e il 2006 con una serie ininterrotta di eventi culturali e promozionali, fino a trovare l’ideale compimento nella recente candidatura dei paesaggi vitivinicoli monferrini alla Lista del patrimonio dell’Umanità UNESCO.
Ora questo originale “caso di studio”, dopo essere stato all’attenzione dapprima di lezioni e seminari dell’Università del Piemonte Orientale (Alessandria e Vercelli), della Scuola di Venaria Reale e dell’Università di Bologna (anche a Ravenna), è balzato all’attenzione della comunità accademica sotto un nuovo e originale profilo scientifico.
A Venezia, nel corso di un seminario sull’applicazione della Convenzione UNESCO sul Patrimonio intangibile (Parigi 2003), organizzato dalle Scuole Grandi veneziane in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari –  rappresentate dal Guardian Grande di San Rocco Gian Andrea Simeone e dai prof. Maria Laura Picchio Forlati e Lauso Zagato – il Monferrato ha costituito infatti l’esempio per un’approfondita disamina del ruolo delle ONG e delle associazioni culturali in questi complessi e ancora poco sperimentati processi di valorizzazione e promozione culturale del territorio.
Dopo le lezioni magistrali di Tullio Scovazzi e Pietro Clemente, il 27 gennaio presso la Scuola Grande di San Giovanni il prof. Massimo Carcione ha tracciato un quadro esaustivo della normativa internazionale e nazionale sul tema, mentre il Presidente del Circolo Marchesi del Monferrato, Roberto Maestri, ha illustrato le modalità utilizzate in questi anni dall’associazione (lavorando sempre in rete con enti pubblici, istituzioni e altre associazioni culturali piemontesi e del nord Italia) per riportare la storia del Monferrato all’attenzione della cultura nazionale, anche attraverso canali divulgativi come Golosaria, la Fiera del Libro o la Rai, e grazie a “testimonials” d’eccezione come Dante Alighieri, Boccaccio, San Pio V e Giosué Carducci, oltre naturalmente ai più celebri Marchesi aleramici, paleologi e gonzagheschi.
La collaborazione con le Scuole Grandi veneziane continuerà nei prossimi mesi con altri seminari sul tema del patrimonio immateriale di storia, tradizioni, artigianato e folklore; nel progetto patrocinato dalla rete nazionale SIMBDEA saranno coinvolti, sempre nell’ottica del lavoro in rete, anche l’Associazione MUSA di Cosola (che è già advisor dell’UNESCO a livello internazionale), il Laboratorio Etno-antropologico di Roccagrimalda e la Società Palazzo del Monferrato.
Quanto agli aspetti più propriamente storici, è allo studio l’organizzazione, nel corso del 2012, di un convegno sui rapporti tra i Marchesi di Monferrato e i Dogi veneziani, a partire dall’alleanza tra Bonifacio I comandante della Quarta Crociata e il doge Enrico Dandolo, che portò alla presa di Costantinopoli nel 1204, alla spartizione dell’impero bizantino (con cui Bonifacio divenne re di Tessalonica e cedette Creta a Venezia); due secoli dopo il marchese di Monferrato Giangiacomo Paleologo (1428-1432) andò in esilio per un anno a Venezia dal 17 agosto 1432, ospite del doge Francesco Foscari.

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria