Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
HomeAttività 2012
2012

Facino Cane
A Venezia si studia il Monferrato “intangibile”
Alimentazione e Ristorazione Licet
Assemblea Generale
Camilla Faà torna a Ferrara
Carducci a Gamalero
Carducci a Rocca
Carducci e i trovatori del Monferrato
Emas Monferrato-Limburg
Facino Cane a Bologna
Facino Cane e Bergamo
Facino Cane e Filippo Maria Visconti:
Facino Cane signore di Valenza
Facino Cane, Signore di Mortara
Facino Cane, Signore di Varese, 1409
Ferrariae Decus in Monferrato
Giosuè Carducci e il suol d'Aleramo
Guardando il mare... da Cartosio
I Marchesi con Aregai e PLEF
I Marchesi del Monferrato in Olanda
I misteri di Camilla Faà in Biblioteca a Tortona
Il cioccolato in forma storica
Il Monferrato all'Unitre di Acqui
Il paesaggio violato
Il Po, autostrada del Rinascimento
Il Po, autostrada del Rinascimento
Il Prefetto di Asti e Monferrato splendido patrimonio
Il ritorno di Camilla Faà a Bruno
L'Università di Genova ricorda Geo Pistarino
La Ferrara di Camilla
La leggenda di Aleramo a Voyager
La storia dei Gonzaga all'Unitre
La Storia del Monferrato all'Unitre
Mantova - Nec ferro nec igne
Monferrato splendido patrimonio
Monferrato, una storia europea lunga sette secoli
Nec ferro nec igne – Nel segno di Camilla
Nec ferro nec igne
Nec ferro nec igne a Fontanile
Nel Monferrato in famiglia
Programmazione, manutenzione e salvaguardia negli Istituti Culturali
Quando Camilla passò in Oltrepò pavese
Riflessioni sul piccolo Stato
Ritratti di Principesse del Monferrato
Stand culturale
Trino - Donne del primo Cinquecento
Turismo e sviluppo locale
Un progetto innovativo tra storia, turismo, enogastronomia
Un protagonista del Quattrocento: Facino Cane
Un'assemblea con Camilla
Una Principessa per il Monferrato: Anne Valois d’Alençon (1492 – 1562)
Unesco e Monferrato
Valorizzare il Monferrato
Valorizzazione del Patrimonio culturale
Varese - Donne del primo Cinquecento
Verbal Tenzone
Vincenzo, duca del Monferrato

Nec ferro nec igne

Galleria fotografica
Rassegna stampa

Vignale Monferrato (AL) sabato 3 marzo 2012 - ore 17,00

Cos’hanno in comune Ferdinando I Gonzaga Duca di Mantova, il Grignolino e un petauro dello zucchero? La risposta è: un libro, di cui è protagonista un giornalista enogastronomico per caso trasformato in investigatore del passato. Il libro, che sarà edito dal Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” di Alessandria - con il contributo di Fondazione CRAL e Fondazione CRT - è stato presentato in anteprima a Vignale sabato 3 marzo nel contesto di “Golosaria tra i castelli del Monferrato”, rassegna di cultura e gusto ideata da Paolo Massobrio. Autrice è la giornalista Cinzia Montagna. Il titolo: “Nec  ferro nec igne – Nel segno di Camilla”. Tema portante: la vicenda di Camilla Faà (1599 – 1662) nata a Casale, Contessa di Bruno, Marchesa di Mombaruzzo e sposa del Duca Ferdinando in “finte nozze”, teatralmente organizzate dallo stesso Duca. La presentazione ufficiale del libro avverrà il prossimo 11 maggio durante il Salone internazionale del libro di Torino, ma già sabato scorso l’ “assaggio” dei contenuti ha richiamato a Vignale più di 100 persone presso Villa Morneto.  A introdurre l’opera è stato Paolo Massobrio, che ha sottolineato quanto la vicenda narrata si presti a diventare una sceneggiatura per un film grazie ai suoi contenuti e per la sua effettiva storicità , che collega il Monferrato al Ducato di Mantova. Roberto Maestri, presidente del Circolo “I Marchesi del Monferrato”, tratteggiando la figura storica di Ferdinando Gonzaga, ha rimarcato come per la prima volta il Circolo abbia deciso di pubblicare un testo che esula dalla saggistica per rientrare nel genere del romanzo storico, in chiave attualizzata, contribuendo alla divulgazione della storia del Monferrato.  E’ stata poi l’autrice, Cinzia Montagna, a proporre una sintesi della trama. Voce narrante è quella di un giornalista del settore vino e cibo. Del giornalista non viene mai indicato il nome per tutta la narrazione, “poiché- come indicato dall’autrice – riunisce le caratteristiche di più nomi operativi nel settore”. Sarà lui, venuto a conoscenza della vicenda di Camilla in modo casuale, ad approfondirne lo svolgimento su basi documentarie.  Nella sua ricerca, il protagonista ricostruirà anche la storia della famiglia Faà, tutt’ora esistente nel ramo discendente diretto e di cui il titolo del libro costituisce il motto, e si soffermerà su un ritratto della “Duchessa”, finora mai pubblicato. Sarà proprio il ritratto la chiave di volta per comprendere l’intera vicenda del contrasto amore fra Ferdinando e Camilla. Ad affiancare il giornalista nella sua ricerca sono personaggi inventati ma anche esistenti e che, nei fatti, hanno collaborato con la Montagna nel reperimento di fonti e documenti: da Franco Scrivanti, ricercatore di Bruno, a Carlo Ferraris, storico di Vignale, da Angelo Soave, vicesindaco di Bruno, allo stesso Roberto Maestri. Il risultato è un libro con più chiavi di lettura e su più stili, che coniuga epistole conservate in archivio a e-mail dei nostri giorni, rendendo “documento”, accanto allo straordinario manoscritto autobiografico composto da Camilla Faà, gli SMS che il protagonista scambia con i suoi contatti. Compagno di viaggio del giornalista nella sua ricerca è un animale da compagnia di provenienza esotica: il petauro dello zucchero, marsupiale di piccole dimensioni, che nel libro è femmina e si chiama Gridonia.

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria