Finalità
Organigramma
Comitato Scientifico
Statuto
Regioni
Province
Comuni
Associazioni Culturali
Società
Partners
Chi siamo
 
Cenni Storici
Aleramici
Paleologi
Gonzaga
Gonzaga Nevers
Dinastie
Personaggi illustri
Arte
Castelli
Centro di Documentazione
Edifici Religiosi
Enogastronomia
Storia
I Luoghi
Mantova
Museo
Ambiente
European State
Percorsi
Listen
Sezzadio
Itinerari
il Monferrato
 
Fonti
Archivio Monferrato
I nostri Libri
Altri Editori
Edizioni on-line
Pubblicazioni
Bibliografia
Bollettino
Cartografia
Didattica
Chivasso
Casale Monferrato
Mantova
Numismatica
Statuti
Piemonte
Liguria
Lombardia
Territorio
Archivio
 
Programma
Calendario
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Attività
 
Filmati
Rassegna stampa
Multimedia
 
Contattaci
Biblioteche
Società Storiche
Associazioni
Varie
Indirizzario
HomeAttività 2012
2012

Facino Cane
A Venezia si studia il Monferrato “intangibile”
Alimentazione e Ristorazione Licet
Assemblea Generale
Camilla Faà torna a Ferrara
Carducci a Gamalero
Carducci a Rocca
Carducci e i trovatori del Monferrato
Emas Monferrato-Limburg
Facino Cane a Bologna
Facino Cane e Bergamo
Facino Cane e Filippo Maria Visconti:
Facino Cane signore di Valenza
Facino Cane, Signore di Mortara
Facino Cane, Signore di Varese, 1409
Ferrariae Decus in Monferrato
Giosuè Carducci e il suol d'Aleramo
Guardando il mare... da Cartosio
I Marchesi con Aregai e PLEF
I Marchesi del Monferrato in Olanda
I misteri di Camilla Faà in Biblioteca a Tortona
Il cioccolato in forma storica
Il Monferrato all'Unitre di Acqui
Il paesaggio violato
Il Po, autostrada del Rinascimento
Il Po, autostrada del Rinascimento
Il Prefetto di Asti e Monferrato splendido patrimonio
Il ritorno di Camilla Faà a Bruno
L'Università di Genova ricorda Geo Pistarino
La Ferrara di Camilla
La leggenda di Aleramo a Voyager
La storia dei Gonzaga all'Unitre
La Storia del Monferrato all'Unitre
Mantova - Nec ferro nec igne
Monferrato splendido patrimonio
Monferrato, una storia europea lunga sette secoli
Nec ferro nec igne – Nel segno di Camilla
Nec ferro nec igne
Nec ferro nec igne a Fontanile
Nel Monferrato in famiglia
Programmazione, manutenzione e salvaguardia negli Istituti Culturali
Quando Camilla passò in Oltrepò pavese
Riflessioni sul piccolo Stato
Ritratti di Principesse del Monferrato
Stand culturale
Trino - Donne del primo Cinquecento
Turismo e sviluppo locale
Un progetto innovativo tra storia, turismo, enogastronomia
Un protagonista del Quattrocento: Facino Cane
Un'assemblea con Camilla
Una Principessa per il Monferrato: Anne Valois d’Alençon (1492 – 1562)
Unesco e Monferrato
Valorizzare il Monferrato
Valorizzazione del Patrimonio culturale
Varese - Donne del primo Cinquecento
Verbal Tenzone
Vincenzo, duca del Monferrato

Il ritorno di Camilla Faà a Bruno

Galleria fotografica
Rassegna stampa

Era partita da Bruno, il paese del quale era contessa, nell’estate del 1616: a Bruno, piccolo paese in provincia d’Asti, Camilla Faà è tornata domenica 19 agosto. Un viaggio durato 400 anni per la contessina che, nata nel 1599 a Casale, legò il suo destino al Duca Ferdinando Gonzaga e alla storia di Monferrato e Mantovano. Domenica 19 agosto, la Corte interna del castello di Bruno ha ospitato la presentazione del libro “Nec ferro nec igne – Nel segno di Camilla” scritto da Cinzia Montagna (http://www.cinziamontagna.it/) ed edito dal Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato”. Alla presentazione sono intervenuti, oltre all’autrice, Manuela Bo, Sindaco di Bruno, Angelo Soave, già Vicesindaco, Davide Mana, ricercatore ed esperto di temi ambientali, e Franco Scrivanti, ricercatore storico brunese. Circa 150 persone hanno assistito alla presentazione, allestita lungo il lato più imponente del castello, nella suggestione dell’ambiente nel quale Camilla soggiornò per breve tempo nell’estate di 4 secoli fa. La vicenda di Camilla, narrata nel libro, è stata ripercorsa dalla Montagna e da Scrivanti: damigella di corte presso i Gonzaga, di lei s’innamorò il Duca, che finse una cerimonia di matrimonio pur di convincerla dell’onestà dei propri propositi. Dal matrimonio, celebrato nel 1616, nacque un figlio, Giacinto, ma pochi mesi dopo il Duca sposò, questa volta in vere nozze, Caterina de’ Medici. Il bambino, mai formalmente riconosciuto dal Duca, crebbe presso la corte mantovana, mentre Camilla fu “cancellata” dalla storia: dal 1617 visse infatti in convento, monaca di clausura dal 1622, e morì nel Monastero del Corpus Domini di Ferrara nel 1662. Di lei ci restano il manoscritto autografo che Camilla compilò all’atto dell’ingresso in clausura, straordinario documento di letteratura autobiografica claustrale, oltre ad alcuni ritratti di particolare valenza anche simbolica. Il titolo del libro, Nec ferro nec igne (Né con la spada né con il fuoco), propone il motto della famiglia Faà, tuttora proprietaria del maniero che fu di Camilla. La vicenda della contessina “che non doveva esistere” è strettamente legata alla I e alla II Guerra del Monferrato, la prima scaturita dai contrasti successivi alla nomina ducale di Ferdinando, la seconda dall’assenza di eredi alla morte del Duca: il fatto che il matrimonio con Camilla non fosse valido, impedì infatti a Ferdinando di riconoscere Giacinto come erede e, non avendo avuto altri figli, alla sua morte terminò la dinastia dei Gonzaga, lasciando il posto alla dinastia dei Gonzaga Nevers. Il libro “Nec ferro nec igne – Nel segno di Camilla” è distribuito da http://www.astilibri.it/. Pagina Facebook: http://www.facebook.com/NecFerroNecIgne

Sede legale e operativa: via Alessandro III n. 38
Sede di Rappresentanza: Palazzo del Monferrato,
via San Lorenzo n. 21 - 15121 Alessandria - Italia

tel. 333.2192322 - fax 01851874424 - c. f. 96039930068
email: info@marchesimonferrato.com

Sito realizzato con il contributo di:
Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria
Powered by XManager.infoweb 2.0 - ^^LineLab.multimedia
Regione Piemonte Fondazione CRT Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria